08 Febbraio 2023 - 12:30

Regno Unito, il ministro Scully: il dibattito sul gioco non si conclude con la pubblicazione del Libro Bianco

Il ministro britannico responsabile del gioco d’azzardo afferma che le discussioni sulle riforme del gioco d’azzardo continueranno dopo la modifica della legislazione.

09 Dicembre 2022

Print Friendly, PDF & Email

Paul Scully, il ministro britannico responsabile del gioco d’azzardo, ha avvertito il settore che la conclusione della revisione della legislazione da parte del governo non segnerà la fine delle discussioni sull’impatto del gioco d’azzardo sulla società.

Parlando alla decima conferenza annuale di GambleAware, Scully ha ripetuto la sua promessa che il Libro Bianco sul gioco d’azzardo sarà pubblicato “tra poche settimane”. Tuttavia, ha detto che il dibattito continuerà oltre. “Siamo determinati ad assicurarci che la revisione ottenga le giuste protezioni”, ha affermato. “Sono lieto di confermare che siamo ansiosi di pubblicarlo nelle prossime settimane. Ma voglio chiarire che il Libro Bianco non è la fine delle nostre discussioni su questi argomenti”.

Scully ha affermato che l’obiettivo della revisione del Gambling Act del 2005 è ancora in linea con l’impegno del manifesto del Partito conservatore di “assicurare che il gioco d’azzardo nel Regno Unito sia adatto all’era digitale”, osservando che il panorama del gioco d’azzardo di oggi “è completamente diverso dal 2005”.

Ha detto: “Siamo in una buona posizione in questo paese, in quanto la maggior parte del gioco d’azzardo si svolge nel settore della licenza, dove gli operatori devono rispettare le regole della Gambling Commission per mantenere la loro licenza. All’interno di quel settore autorizzato, dobbiamo essere continuamente vigili per assicurarci di avere le giuste protezioni e reti di sicurezza e che funzionino come dovrebbero”. Tuttavia, ha espresso preoccupazione per l’ultimo Health Survey for England, che ha stimato che 246.000 persone fossero giocatori problematici, con 1,6 milioni a rischio di subire danni. Ha affermato che il governo creerà fino a 15 cliniche specializzate per la dipendenza dal gioco NHS entro il 2023/2024.

Scully ha elogiato l’intensa attività di applicazione della Gambling Commission negli ultimi 12 mesi, osservando che “solo nell’ultimo anno abbiamo visto un numero di operatori pagare oltre 45 milioni di sterline a causa di fallimenti normativi – due dei maggiori operatori da soli hanno pagato 26 milioni di sterline ”.

Ha aggiunto: “In confronto, nell’intero anno finanziario 2016/17, la Commissione ha agito contro tre operatori che hanno pagato 1,7 milioni di sterline a causa di fallimenti normativi”.

 

PressGiochi