22 Ottobre 2020 - 00:17

Regno Unito. Il Governo avvia indagine sulle loot box presenti nei videogiochi

Il Governo del Regno Unito ha lanciato una richiesta di prove sull’impatto delle loot box nei videogiochi, per esaminare le preoccupazioni che potrebbero incoraggiare o portare a problemi di gioco d’azzardo

25 Settembre 2020

Print Friendly, PDF & Email

Il Governo del Regno Unito ha lanciato una indagine sull’impatto delle loot box nei videogiochi, per esaminare le preoccupazioni che potrebbero incoraggiare o portare a problemi di gioco d’azzardo. Il Ministro per il digitale e la cultura Caroline Dinenage ha dichiarato: “La nostra apprezzata industria dei videogiochi sta facendo buoni progressi nello sviluppo di ambienti più sicuri in cui i nostri bambini possono giocare, come il controllo genitori che può essere impostato per programmare e limitare il tempo di gioco. Ma abbiamo ascoltato le preoccupazioni dei genitori sulle loot box ed è giusto che esaminiamo e comprendiamo qualsiasi prova del danno o dei collegamenti al gioco d’azzardo problematico che possono causare, in modo che possiamo decidere se è necessaria un’azione”.

Il Governo intraprenderà anche ulteriori ricerche sull’impatto dei videogiochi sul comportamento. DCMS stabilirà un quadro per un programma di ricerca informato da seminari con il mondo accademico e l’industria. Il Governo sta adottando queste misure per affrontare le questioni evidenziate dal rapporto del DCMS Select Committee sulle tecnologie immersive e che creano dipendenza e per proteggere il pubblico in tutto il Regno Unito. Il bando sarà aperto fino al 22 novembre 2020.

 

 

PressGiochi