23 Ottobre 2020 - 13:42

Regno Unito. Il BGC stabilisce le misure per ridurre l’esposizione dei minori alla pubblicità del gioco d’azzardo

Il Betting and Gaming Council (BGC) ha annunciato una serie di nuove misure nel tentativo di ridurre la quantità di annunci di gioco d’azzardo online visti dai minori di 18 anni nel Regno Unito.

27 Agosto 2020

Print Friendly, PDF & Email

Il Betting and Gaming Council (BGC) ha annunciato una serie di nuove misure nel tentativo di ridurre la quantità di annunci di gioco d’azzardo online visti dai minori di 18 anni nel Regno Unito. I nuovi requisiti, che saranno aggiunti alla sesta edizione del Codice di settore per la pubblicità socialmente responsabile, richiederanno a tutti i membri di BGC di garantire che gli annunci sui social media sponsorizzati o a pagamento siano rivolti ai consumatori di età pari o superiore a 25 anni, a meno che il sito web non possa dimostrare gli annunci possono essere indirizzati a maggiori di 18 anni. Il codice afferma che gli annunci di giochi a distanza visualizzati sui motori di ricerca devono chiarire che la promozione dei servizi è destinata esclusivamente ai consumatori di età pari o superiore a 18 anni, oltre a includere messaggi di gioco d’azzardo più sicuri. Gli utenti di YouTube dovranno inoltre utilizzare account verificati prima di poter visualizzare gli annunci sui giochi a distanza, mentre tutti i membri BGC dovranno pubblicare frequenti messaggi di gioco responsabile sui propri account Twitter. Il limite di età superiore ai 25 anni e il limite di età su YouTube sono stati concordati per la prima volta da un gruppo di lavoro formato dalla Gambling Commission nell’aprile di quest’anno. All’epoca la Commissione si è detta soddisfatta delle conclusioni del gruppo e si aspettava che le nuove misure entrassero in vigore entro luglio. Il nuovo codice entrerà in vigore dal 1° ottobre di quest’anno.

L’amministratore delegato di BGC Michael Dugher, ha dichiarato: “I membri di BGC hanno un atteggiamento di tolleranza zero nei confronti delle scommesse sotto i 18 anni e dei requisiti per messaggi di gioco a distanza più sicuri alle restrizioni sulla pubblicità su YouTube. Questo nuovo codice mostra quanto seriamente il BGC, che rappresenta le scommesse regolamentate ma non la National Lottery, si prenda le dovute responsabilità. È fondamentale che le grandi piattaforme Internet si prendano le proprie responsabilità per proteggere le persone online e speriamo che il Governo utilizzerà il prossimo progetto di legge sui danni in tal senso. La revisione del Gambling Act fornirà ulteriori opportunità per migliorare gli standard”. La pubblicazione del nuovo codice arriva dopo che il BGC la scorsa settimana ha apertamente elogiato l’impatto del cosiddetto divieto di whistle-to-whistle sugli annunci di gioco d’azzardo durante gli eventi sportivi televisivi nel Regno Unito, affermando che ha contribuito a ridurre il numero di annunci visti dai minori del 97%.

 

 

PressGiochi