14 ottobre 2019
ore 04:06
Home Estero Regno Unito: dalle società di scommesse ancora infrazioni al codice pubblicitario

Regno Unito: dalle società di scommesse ancora infrazioni al codice pubblicitario

Una pubblicità di Facebook per un'app di gioco d'azzardo con giovani calciatori come Raheem Sterling, Jadon Sancho e Kylian Mbappé è stata bandita dall'autorità di regolamentazione della pubblicità del Regno Unito. La Advertising Standards Authority (ASA) ha presentato un reclamo contro Football Index, un sito Web con sede in Jersey che consente agli utenti di scambiare azioni virtuali di gioco su una piattaforma modellata sul mercato azionario. La sua pubblicità offriva agli utenti la possibilità di "bei guadagni" se scambiavano azioni sul diciannovenne Sancho, che gioca per la squadra tedesca Borussia Dortmund. La pubblicità comprendeva anche il diciottenne Callum Hudson-Odoi del Chelsea, Marcus Rashford, 21 anni del Manchester United, Sterling, 24 anni, del Manchester City e ...
SHARE
Regno Unito: dalle società di scommesse ancora infrazioni al codice pubblicitario

Una pubblicità di Facebook per un’app di gioco d’azzardo con giovani calciatori come Raheem Sterling, Jadon Sancho e Kylian Mbappé è stata bandita dall’autorità di regolamentazione della pubblicità del Regno Unito.

La Advertising Standards Authority (ASA) ha presentato un reclamo contro Football Index, un sito Web con sede in Jersey che consente agli utenti di scambiare azioni virtuali di gioco su una piattaforma modellata sul mercato azionario.

La sua pubblicità offriva agli utenti la possibilità di “bei guadagni” se scambiavano azioni sul diciannovenne Sancho, che gioca per la squadra tedesca Borussia Dortmund. La pubblicità comprendeva anche il diciottenne Callum Hudson-Odoi del Chelsea, Marcus Rashford, 21 anni del Manchester United, Sterling, 24 anni, del Manchester City e il 20enne vincitore della Coppa del Mondo francese Mbappé, che gioca per il Paris Saint-Germain.

Il codice che regola la pubblicità stabilisce che nessuno sotto i 25 anni dovrebbe essere rappresentato nel gioco d’azzardo o svolgere un ruolo significativo in una pubblicità di gioco d’azzardo a meno che l’annuncio non venga visualizzato in un luogo in cui è possibile effettuare una scommessa, come la sede di un bookmaker o un sito Web. L’ASA ha dichiarato che l’annuncio ha violato il codice e ha vietato al Football Index di mostrarlo ancora.

Football Index ha accettato la sentenza dell’ASA. Il suo direttore marketing, Mike Bohan, ha dichiarato: “Abbiamo rivisto le nostre pratiche di marketing per assicurarci che siano conformi alle normative pubblicitarie e rappresentino accuratamente la piattaforma socialmente responsabile di Football Index. Ora consideriamo la questione chiusa.”

Martedì, un ampio rapporto Demos afferma che i regolamenti pubblicitari sono stati regolarmente violati sui social media, esponendo decine di migliaia di minori di 16 anni ai messaggi di gioco.
Vi è anche un attento esame del ruolo svolto dal gioco d’azzardo nello sport e del modo in cui le compagnie di scommesse si promuovono, in particolare tramite i social media.

Il Derby County Football Club è stato criticato per un legame con il casinò online 32Red in base al quale l’ex attaccante inglese Wayne Rooney indossa il numero 32 sulla sua maglietta in questa stagione.
Le società di scommesse hanno concordato quest’anno un divieto volontario di pubblicità durante gli eventi di sport in televisione, in risposta alla preoccupazione del pubblico per l’effetto sui minori delle promozioni di gioco, in particolare nei fine settimana quando viene mostrato il calcio. Tuttavia, la metà delle squadre della Premier League promuove ancora le società di gioco d’azzardo sulla propria maglietta.

I ricercatori di Demos e dell’Università di Bristol hanno analizzato oltre 880.000 tweet e hanno sollevato particolari preoccupazioni per gli eSport o videogiochi competitivi come Fortnite. Il rapporto Demos, intitolato Biddable Youth, afferma che il 28% dei retweet o delle risposte ai tweet sul gioco d’azzardo sugli eSport sono stati pubblicati da minori di 16 anni.

Ha affermato che il 74% dei tweet sugli eSport e il 68% dei tweet sportivi tradizionali sembrano non rispettare le norme pubblicitarie, ad esempio presentando il gioco d’azzardo come fonte di reddito o incoraggiando il gioco d’azzardo

La prof.ssa Agnes Nairn, dell’Università di Bristol, ha affermato che i genitori spesso non erano consapevoli del fatto che i loro figli venivano bombardati con promozioni di gioco d’azzardo. “La nostra analisi approfondita del contenuto dei tweet pubblicitari sul gioco d’azzardo ci porta a credere che il gioco d’azzardo sugli eSport per bambini sia attualmente sotto il radar in due modi: è online, dove i genitori non lo vedranno, e utilizza un marketing di contenuti legati al divertimento con gif, meme, immagini e storie divertenti, progettati per attrarre e influenzare implicitamente i giovani “, ha detto Nairn.

Il rapporto ha invitato le aziende tecnologiche a fare un uso migliore degli strumenti di verifica dell’età e della tecnologia di screening per impedire ai bambini di vedere annunci di gioco.

PressGiochi

PASSWORD RESET

Inserisci codice di sicurezza * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.


LOG IN