10 Agosto 2020 - 12:54

Regno Unito. Casinò chiusi anche a luglio

Le politiche turbolente che hanno ferito il paese con decisioni prese irresponsabilmente durante la pandemia, ora stanno danneggiando l’industria dell’intrattenimento poiché casinò e locali notturni rimangono chiusi mentre pub e

13 Luglio 2020

Print Friendly, PDF & Email

Le politiche turbolente che hanno ferito il paese con decisioni prese irresponsabilmente durante la pandemia, ora stanno danneggiando l’industria dell’intrattenimento poiché casinò e locali notturni rimangono chiusi mentre pub e ristoranti sono stati autorizzati a riaprire al pubblico.

Il segretario del Dipartimento di Digital, Cultura, Media e Sport, Oliver Dowden, ha annunciato l’allentamento di alcune restrizioni, inteso come “un significativo abbattimento delle restrizioni di blocco per le arti, l’intrattenimento e lo sport”.

Da sabato 11 luglio, le piscine all’aperto, i campi sportivi e le sedi di spettacoli all’aperto, tra cui opera, teatro e sale da concerto, sono state autorizzate a riaprire, lasciando chiuse invece discoteche e casinò. Inoltre saloni di saloni di bellezza, tatuaggi e sale abbronzanti in Inghilterra potranno riaprire a partire da lunedì 13 luglio, mentre sabato 25 luglio verranno concessi gli ordini di riapertura a palestre e piscine al coperto. In tutte le scelte di intrattenimento sopra descritte, non ce n’è una in grado di conformarsi con sicurezza alle procedure sanitarie e di allontanamento con la stessa competenza dei casinò e dei luoghi di gioco.

 

 

PressGiochi