01 Marzo 2021 - 07:23

Regno Unito. BGC chiede di posticipare il Grand National per aiutare il settore del gioco d’azzardo a ripartire

Il Betting and Gaming Council (BGC) ha chiesto che il Grand National venga posticipato fino a quando i negozi di scommesse non saranno autorizzati a riaprire, così fornirebbe una “spinta tempestiva” sia per il settore delle corse che del gioco d’azzardo.

23 Febbraio 2021

Print Friendly, PDF & Email

Il Betting and Gaming Council (BGC) ha chiesto che il Grand National venga posticipato fino a quando i negozi di scommesse non saranno autorizzati a riaprire, così fornirebbe una “spinta tempestiva” sia per il settore delle corse che del gioco d’azzardo. Il Grand National 2021, l’evento di corse di cavalli più importante del Regno Unito, è attualmente previsto per il 10 aprile presso l’ippodromo di Aintree, due giorni prima che i negozi di scommesse possano riprendere le operazioni dopo un periodo di chiusura forzata a causa delle restrizioni per contrastare la diffusione del COVID-19. Il primo ministro Boris Johnson ha confermato che tutte le vendite al dettaglio non essenziali in Inghilterra potranno riaprire dal 12 aprile, come parte della roadmap del paese per uscire dalle attuali misure di blocco. In risposta, il BGC ha affermato che posticipare il Grand National dopo questa data consentirebbe ai negozi di scommesse un maggiore incasso, il che a sua volta andrebbe a vantaggio del settore delle corse che ha subito pesanti perdite durante la pandemia. Il BGC ha affermato che tradizionalmente vengono scommessi circa 125 milioni di sterline (145 milioni di euro) su questo evento, con quasi la metà di tutte le scommesse piazzate nei negozi di scommesse al dettaglio, rendendolo il giorno più impegnativo dell’anno.

L’amministratore delegato di BGC, Michael Dugher, ha spiegato: “Rimandare il Grand National fino all’apertura dei negozi di scommesse è sicuramente un’idea che vale la pena considerare. Garantire che gli scommettitori una volta all’anno siano in grado di fare un salto dai loro bookmaker locali per staccare. Ciò fornirebbe anche una spinta necessaria e tempestiva per le corse e per il settore del gioco d’azzardo dopo un anno così difficile per entrambi”. La British Horseracing Authority (BHA) si è espressa a sostegno del governo e della sua tabella di marcia per allentare le restrizioni, affermando che collaborerà con le autorità per consentire agli spettatori di tornare in sicurezza alle gare non appena sarà consentito.

 

 

 

PressGiochi