29 Luglio 2021 - 14:18

Regno Unito. ASA pubblica rapporto sull’esposizione dei giovani alla pubblicità del gioco d’azzardo

La Advertising Standards Association (ASA) ha pubblicato il suo “rapporto sull’esposizione” agli spot televisivi relativi alle categorie di alcol e gioco d’azzardo. Tracciando gli eventi di un anno di pandemia,

14 Giugno 2021

Print Friendly, PDF & Email

La Advertising Standards Association (ASA) ha pubblicato il suo “rapporto sull’esposizione” agli spot televisivi relativi alle categorie di alcol e gioco d’azzardo. Tracciando gli eventi di un anno di pandemia, ASA segnala un cambiamento significativo nella routine e nei comportamenti quotidiani dei minori. A causa del lockdown e delle restrizioni imposte dal governo, i minori si sono trovati a trascorrere più tempo a casa e la TV è diventata la principale attività di svago

L’esposizione dei più giovani ai contenuti di gioco d’azzardo è aumentata da 2,5 annunci a settimana prima che del lockdown, a 4,0 annunci a settimana registrati durante le sette settimane di lockdown osservate dal Regno Unito. L’esposizione al gioco d’azzardo è stata significativamente superiore a quella di un annuncio a settimana registrato dalla categoria degli alcolici. Tuttavia, l’ASA ha sostenuto che l’aumento è stato attribuito all’esposizione diurna di annunci, consentiti, di bingo e lotterie.

Sul rapporto dell’ASA si legge: “Tra il 2008 e il 2020, l’esposizione dei minori agli annunci sul gioco d’azzardo è aumentata di poco meno di un quarto, da una media nel 2008 di 2,2 annunci a settimana, a 2,8 annunci a settimana nel 2020. L’esposizione dei più giovani agli annunci sul gioco d’azzardo è rimasta abbastanza stabile e a livelli inferiori negli ultimi cinque anni”. A sostegno delle sue osservazioni, ASA ha fatto riferimento al rapporto “Children and Parents Media Use” di Ofcom, che ha sottolineato il rapido cambiamento comportamentale delle famiglie del Regno Unito che utilizzano i servizi di video on demand (VOD) come piattaforme di intrattenimento preferite, limitando la loro esposizione ai contenuti pubblicitari.

 

 

PressGiochi