14 ottobre 2019
ore 22:58
Home hot1 Regione Toscana: il Consiglio plaude all’unanimità alle nuove norme sul gioco

Regione Toscana: il Consiglio plaude all’unanimità alle nuove norme sul gioco

“Il testo approvato ieri dal Consiglio regionale è il risultato di un lavoro proficuo e anche faticoso della commissione Sanità guidata da Stefano Scaramelli (PD) che si è impegnata per trovare una sintesi con tutte le forze politiche”. Lo ha sottolineato in aula il presidente Scaramelli illustrando la legge e soprattutto le finalità. “Ringrazio davvero tutte le forze politiche – ha detto Scaramelli- . La proposta che nasceva dai Comuni e da Anci con cui il Pd ha lavorato a stretto contatto e proficuamente, ha prodotto un testo, frutto di un lavoro di convergenza faticoso fortemente voluto anche dal gruppo Pd, che è andato a segno. Abbiamo dato una stretta importante su il gioco d’azzardo introducendo la formazione che è un elemento di novità assoluta e che pone la Toscana ancora una ...
SHARE
Regione Toscana: il Consiglio plaude all’unanimità alle nuove norme sul gioco

“Il testo approvato ieri dal Consiglio regionale è il risultato di un lavoro proficuo e anche faticoso della commissione Sanità guidata da Stefano Scaramelli (PD) che si è impegnata per trovare una sintesi con tutte le forze politiche”. Lo ha sottolineato in aula il presidente Scaramelli illustrando la legge e soprattutto le finalità.

“Ringrazio davvero tutte le forze politiche – ha detto Scaramelli- . La proposta che nasceva dai Comuni e da Anci con cui il Pd ha lavorato a stretto contatto e proficuamente, ha prodotto un testo, frutto di un lavoro di convergenza faticoso fortemente voluto anche dal gruppo Pd, che è andato a segno. Abbiamo dato una stretta importante su il gioco d’azzardo introducendo la formazione che è un elemento di novità assoluta e che pone la Toscana ancora una volta all’avanguardia.

Da una parte – ha aggiunto Scaramelli- diamo una risposta di carattere sanitario e dall’altra una risposta di carattere preventivo. La definizione dei luoghi sensibili non è la risoluzione del problema, sappiamo che il tema è molto più profondo, ma nella legge approvata oggi c’è molto della risposta che bisogna dare al disagio e alla povertà dove si annida l’idea di trovare una scorciatoia rappresentata appunto dal gioco d’azzardo.

La Regione ha deciso di esserci, dove c’è il disagio ci deve essere”.

 

 

 

“La lotta al gioco d’azzardo patologico in Toscana è legge. Siamo consapevoli – hanno commentato Dario Parrini e Antonio Mazzeo, segretario e vicesegretario Pd Toscana  – di essere di fronte a un problema enorme, che coinvolge sempre più persone e si sta configurando come una reale emergenza sociale: adesso su questo la Regione Toscana si pone all’avanguardia a livello nazionale, mettendo nero su bianco, attraverso questo provvedimento, misure concrete e prescrizioni precise. Un importante traguardo a cui siamo arrivati grazie a un impegno di tutti i livelli istituzionali, al lavoro determinante del Tavolo ludopatie di Anci Toscana e della commissione Sanità in Consiglio regionale, presieduta da Stefano Scaramelli, un obiettivo cruciale che come Pd ci eravamo posti di raggiungere e che siamo ben contenti di aver ottenuto. La battaglia è appena all’inizio ma siamo convinti di aver intrapreso la strada giusta per contrastare con tenacia questo fenomeno in costante e preoccupante ascesa”.

 

Tante le novità: nuovi punti sensibili da cui tenere lontane agenzie di scommesse e slot machine, corsi di formazione mirati per gestori e dipendenti, investimento sulla prevenzione, nuovo sistema sanzionatorio e grande restrizione in merito alle nuove aperture o sub-ingressi.

Tra le novità inserite nel testo la campagna di informazione nelle scuole grazie all’intesa fra la Regione e l’Ufficio scolastico regionale, l’inserimento delle scuole dell’infanzia, degli sportelli bancomat e degli esercizi di compravendita di oggetti preziosi e oro usati tra i luoghi sensibili; l’introduzione dell’obbligo di formazione per i gestori e per il personale operante nell’ambito dei centri scommesse e degli spazi per il gioco; l’estensione della definizione di “nuova installazione” anche in caso di stipula di nuovo contratto o di installazione degli apparecchi in altri locali, a seguito del trasferimento della sede. Aumentate anche le sanzioni previste per il mancato assolvimento degli obblighi previsti a carico dei gestori di centri di scommesse e di spazi per il gioco con vincita in denaro e del personale operante. La sanzione amministrativa pecuniaria va da un minimo di 1.000 euro ad un massimo di 5.000 euro per ogni inosservanza. La sanzione è accompagnata da diffida comunale nei confronti del gestore e del personale interessato a partecipare alla prima offerta formativa disponibile successiva all’accertamento della violazione. Importante anche la parte relativa alla pubblicità con il divieto di qualsiasi attività pubblicitaria relativa all’apertura o all’esercizio di spazi per il gioco con vincita in denaro o di centri di scommessi.
PressGiochi

Toscana. Stella (FI): “Bene approvazione nuove norme sul gioco d’azzardo, ma si poteva osare di più”

Toscana. Spinelli (Mdp): “Anche compro oro e bancomat, tra i luoghi sensibili al gioco”

Toscana. Neri (Anci): “Continueremo a lavorare su orari, G&V, pubblicità e online”

Toscana. Approvate all’unanimità tutte le modifiche alla legge sul gioco

PASSWORD RESET

Inserisci codice di sicurezza * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.


LOG IN