24 Settembre 2020 - 17:43

Reggio Emilia. Nuovi particolari degli investigatori sull’attentato alla sala scommesse

Nuovi retroscena sull’attentato incendiario contro una sala scommesse Reggio Emilia. A quanto sembra infatti, al proprietario della sala, due anni fa è stata bruciata l’auto, contemporaneamente ad un altro imprenditore

07 Luglio 2016

Print Friendly, PDF & Email

Nuovi retroscena sull’attentato incendiario contro una sala scommesse Reggio Emilia. A quanto sembra infatti, al proprietario della sala, due anni fa è stata bruciata l’auto, contemporaneamente ad un altro imprenditore calabrese.  Inoltre, secondo quanto ricostruito dagli investigatori della Mobile, coordinati dal pm Giacomo Forte, attraverso i filmati recuperati e le testimonianze di chi vive in zona o è transitato in quel punto della città all’alba di domenica, gli attentatori sarebbero due, o tre. . Dalle immagini si vede, alle 6.10 di domenica mattina, qualcuno che dopo aver praticato un foro alla vetrina inserisce qualcosa, liquido infiammabile o un gas non è possibile desumerlo dal filmato. Poi lo sconosciuto, o gli sconosciuti, perché dalle immagini interne non si può capire quante persone siano entrate in azione, inserisce una miccia, un innesco ed infine, dopo qualche tempo, la deflagrazione.

PressGiochi