25 Settembre 2020 - 19:29

Ravenna. Savron (Psicologo): “Importante nel gioco comprendere i messaggi che lanciamo ai bambini”

Nel progetto voluto dall’associazione Psicologia Urbana e Creativa di Ravenna “Di gioco in goco” si tengono corsi formativi gratuiti sulle problematiche del gioco (7, 21, 28 novembre e il 5

02 Novembre 2016

Print Friendly, PDF & Email

Nel progetto voluto dall’associazione Psicologia Urbana e Creativa di Ravenna “Di gioco in goco” si tengono corsi formativi gratuiti sulle problematiche del gioco (7, 21, 28 novembre e il 5 dicembre) ai genitori.

“Ho in mente – commenta lo psicologo Gianni Savron – un genitore che faceva schiacciare al suo bambino il pulsante della slot machine. O una frase detta sempre da un genitore al figlio: ‘Gratta tu che sei più fortunato’. Azioni all’apparenza innocue ma che invece inducono i più piccoli a pensare di poter avere controllo su un gioco dove, al contrario, non ce l’hanno affatto. Identificare in se stessi dinamiche, reazioni e comportamenti nell’ambito del gioco è un primo passo per capire che messaggi passiamo ai nostri figli”.

Lo Psicologo ha precisato non intende demonizzare le slot e il gioco, ma il suo intento è sensibilizzare rispetto alle conseguenze: “Diciamo solo agli adulti che è necessario essere consapevoli del livello e della modalità ai quali stiamo giocando- continua- perché i bambini osservano e imparano così, visto che non hanno ancora un pensiero critico“.

Savron continua sulle Ticket Redemption: “Sono giochi con condizionamenti pesantissimi, visto che contengono una percentuale più o meno elevata di casualità. Sui minori creano aspettative non reali di vincita”.

“Se un papà torna a casa dicendo che ha vinto 20 euro- conclude- il bambino probabilmente non avrà gli strumenti per capire che magari ne sono stati puntati 200. Quel bambino sarà portato a pensare che si è trattato solo di fortuna”.

PressGiochi