20 Settembre 2020 - 06:03

Pubblicità dei giochi. Imco (PE): “Gli Stati membri intervengano autonomamente su limiti e controlli”

“Gli Stati membri adottano le misure adeguate per garantire che i programmi, forniti attraverso i media audiovisivi da fornitore di servizi operanti sotto la propria giurisdizione, che possono compromettere lo

09 Dicembre 2016

Print Friendly, PDF & Email

“Gli Stati membri adottano le misure adeguate per garantire che i programmi, forniti attraverso i media audiovisivi da fornitore di servizi operanti sotto la propria giurisdizione, che possono compromettere lo sviluppo fisico, mentale o morale dei minori, come la pubblicità per le bevande alcoliche o il gioco d’azzardo, siano resi disponibili solo in modo tale da non danneggiare i minori che li vedono o li ascoltano. Tali misure possono includere la scelta dell’orari in cui realizzare la trasmissione, degli strumenti di verifica dell’età o altre misure tecniche. Essi sono proporzionate al danno potenziale del programma”.

 

Lo ha proposto la Commissione per il Mercato interno e protezione dei consumatori in un parere emesso alla Commissione cultura ed educazione relativo alla proposta di Direttiva  del Parlamento europeo e Consiglio sul coordinamento di determinate disposizioni legislative degli Stati membri concernenti la fornitura di servizi di media audiovisivi in vista del cambiamento della realtà del mercato.

 

PressGiochi