14 novembre 2019
ore 08:27
Home Associazioni Protocollo Adiconsum/Unibet. Giordano: “Sono tutte strumentalizzazioni. Vogliamo solo prevenire i comportamenti a rischio”

Protocollo Adiconsum/Unibet. Giordano: “Sono tutte strumentalizzazioni. Vogliamo solo prevenire i comportamenti a rischio”

SHARE
Protocollo Adiconsum/Unibet. Giordano: “Sono tutte strumentalizzazioni. Vogliamo solo prevenire i comportamenti a rischio”

Continuano le polemiche derivate dal protocollo d’intesa tra Adiconsum e Unibet. Un’intesa che ha provocato l’immediata reazione di Monsignor D’Urso della Consulta Antiusura che ha chiesto a gran voce una passo indietro da parte dell’associazione consumatori promossa dalla Cisl perché considera la campagna a favore del “gioco sociale” una semplice “foglia di fico”.

 

Giordano, presidente nazionale Adiconsum su Vita.it ha reagito in primo luogo specificando che la sua associazione “ha autonomia nella valutazione di alcune iniziativa scegliendo il percorso che reputa più coerente con le finalità di tutela dei consumatori”.

“E’ nostro interesse- ha continuato Giordano- diffondere rispetto alla platea dei consumatori proprio gli effettivi rischi della dipendenza da gioco, sensibilizzando non solo i cittadini, ma anche i responsabili politici. Esiste quindi la necessità di avviare un dialogo con l’obiettivo di creare best practice attraverso la formazione utile a dissuadere comportamenti scorretti che renda edotti i consumatori della vera e propria malattia cui conduce la ludopatia. Lo scopo, viene perseguito sia migliorando la scarsa trasparenza, sia tracciando gli unici percorsi di sicurezza nel gioco che possano prevenire i comportamenti a rischio.

In tale ottica, è stato dato ampio rilievo alla analisi dei fattori che influenzano le scelte e le decisioni che favoriscono la dipendenza dal gioco, al fine di attuare idonee misure di contrasto e prevenzione, con particolare attenzione alle categorie più deboli”. Il presidente inoltre, fa riferimento allo spot diffuso da Unibet e Aidcosum appunto sul “giocatore sociale”, una pubblicità che, secondo il suo parere, esprime messaggi chiari e richiama la campagna utilizzata dal Ministero della Salute.

“Ormai da anni ci occupiamo di tutelare realmente i consumatori- conclude Giordano- senza sprecare risorse pubbliche e, soprattutto, senza utilizzare canali di disinformazione. Ed è per tale ragione che abbiamo chiesto alla Consulta nazionale anti-usura di valutare un corretto e produttivo confronto con Adiconsum, per finalizzare tutte le strategie necessarie per tutelare i consumatori dall’usura, dal sovra-indebitamento ed anche dal gioco”.

 

PressGiochi

 

banner

PASSWORD RESET

Inserisci codice di sicurezza * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.


LOG IN