30 Settembre 2020 - 10:24

Polonia. Adottato il pdl sulla modifica del “Gambling Games Act” presentato dal Ministero delle Finanze

In Polonia, nel corso di una riunione del Consiglio dei Ministri del luglio scorso è stato adottato il progetto di legge sulla modifica della Gambling Games Act e taluni altri

01 Agosto 2016

Print Friendly, PDF & Email

In Polonia, nel corso di una riunione del Consiglio dei Ministri del luglio scorso è stato adottato il progetto di legge sulla modifica della Gambling Games Act e taluni altri atti, presentati dal Ministero delle Finanze.

Il ministero ha sottolineato che il suo obiettivo principale era quello di limitare la cosiddetta “zona grigia”, proteggere i giocatori contro le conseguenze negative del gioco d’azzardo e aumentare la consapevolezza sociale dei rischi connessi con il gioco d’azzardo illegale.

Il disegno di legge introduce molti cambiamenti tra cui: un’estensione del catalogo di giochi d’azzardo on-line; il blocco dei siti web di gioco d’azzardo delle società di telecomunicazioni e il blocco degli operatori non autorizzati in Polonia (un elenco di domini vietati saranno inclusi nel registro e pubblicati su un sito web ospitato dal Ministro delle Finanze);  l’obbligo degli operatori di pagamento in blocco dei rapporti con gli operatori di gioco senza licenza; la possibilità di organizzare tornei di poker online fuor i casinò; l’introduzione del monopolio di Stato sulle macchine da gioco nelle sale dedicate (la società di Stato del Tesoro che esercita questo monopolio sarà in grado di esternalizzare la gestione di tali sedi di macchine da gioco a terzi in virtù di un contratto di agenzia).

Inoltre, il catalogo delle entità soggette a multe per la violazione della legge è stato esteso, ed imposto l’obbligo di redigere e applicare i regolamenti di gioco responsabile da parte degli operatori del settore.

L’ efficacia della legge scatterà il 1 ° gennaio 2017, una data che può essere problematica in considerazione dei tempi stretti per la necessaria notifica (di modifica) alla Commissione europea.

PressGiochi