17 settembre 2019
ore 19:07
Home Politica Polemiche su DEF 2015. Lettieri (Fi): “LEA a rischio”

Polemiche su DEF 2015. Lettieri (Fi): “LEA a rischio”

SHARE
Polemiche su DEF 2015. Lettieri (Fi): “LEA a rischio”

L’Italia sprofonda se non si abbassano le tasse. Allarme anche sulla sanità. Lea a rischio. A lanciare l’allarme, il sen. Luigi d’Ambrosio Lettieri, capogruppo FI 12^ Commissione Senato, a margine delle audizioni di ieri sul Def a Palazzo Madama.

“Da tutti, a cominciare da Confindustria e i sindacati, dall’Anci alle Regioni, – spiega Lettieri – arriva un coro di no al Documento economico finanziario del governo Renzi. Un colossale pasticcio che farà ancora sprofondare l’Italia. Sono tutti gufi per il presidente del Consiglio? Mago Matteo fa finta di non capire che il tempo dei giochi di prestigio è finito. Le imprese e le famiglie chiedono meno tasse, più investimenti e servizi adeguati. Il Sud più attenzione”.
“I sindacati – osserva d’Ambrosio Lettieri – bollano il Def come creatore di ulteriori diseguaglianze. Tradotto, nuove povertà e numero crescente di disoccupati. I Comuni sono stremati dai tagli. Le Regioni lanciano anche loro l’allarme sui tagli alla sanità, quasi tre miliardi di euro, che rappresentano un pericolo per la finanza pubblica e per i Livelli essenziali di assistenza. Non c’è che dire: un vero successo”.

E nell’aggiornamento del DPCM dei LEA previsto per giugno comparirà anche il gioco d’azzardo patologico. Il DPCM prevede infatti che si provveda ad aggiornare i livelli essenziali di assistenza con riferimento alle prestazioni di prevenzione, cura e riabilitazione rivolte alle persone affette da ludopatia, intesa come patologia che caratterizza i soggetti affetti da sindrome da gioco con vincita in denaro, così come definita dall’Organizzazione mondiale della sanità (G.A.P.).

PressGiochi

PASSWORD RESET

Inserisci codice di sicurezza * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.


LOG IN