22 Settembre 2020 - 19:39

Pokerstars, accordo con Microgaming per nuovi contenuti di casino

PokerStars continua il percorso nel mercato dell’iGaming e muove un altro importante passo verso la diversificazione della sua offerta ai giocatori. La casa della Picca Rossa ha stretto agli inizi

16 Febbraio 2017

Print Friendly, PDF & Email

PokerStars continua il percorso nel mercato dell’iGaming e muove un altro importante passo verso la diversificazione della sua offerta ai giocatori. La casa della Picca Rossa ha stretto agli inizi di febbraio una partnership con Microgaming, una delle più importanti case produttrici di software di casinò online degli ultimi 20 anni. Microgaming fu una delle prime compagnie a lanciare una sperimentale piattaforma di casinò nel lontano 1994 prima di creare alcune pionieristiche room e poi specializzarsi nella produzione di titoli da proporre ai maggiori operatori del settore del gaming online.

 

Oggi annovera un catalogo di circa 600 diversi giochi. Una incredibilità varietà d’offerta e una opportunità che i vertici di PokerStars non si sono lasciati scappare: grazie a questo accordo, infatti, gli appassionati di giochi di casinò e affini potranno usufruire già dalle prossime settimane (tramite la piattaforma Quickfire targata Microgaming) di un catalogo assai vasto comprendente alcuni dei titoli di slot più fortunati degli ultimi anni: due nomi su tutti? “Jurassic Park”, ispirato alla celebre serie di film sui dinosauri e “Game of Thrones” che richiamerà le ambientazioni di una delle serie Tv più viste della storia. La piattaforma e l’app Pokerstars Casinò, quindi verranno integrate da Quickfire con i giocatori che avranno l’opportunità di accedere ad una nuova selezione di titoli di slot e jackpot games.

 

Nuovi titoli per PokerStars, quindi, un modo per accrescere ancora di più l’importanza dei giochi da casinò – che già comprendono roulette, blackjack e il casinò live con veri croupier – continuare a investire sul mobile gaming (anche i nuovi titoli verranno proposti sia in modalità desktop che mobile) e proseguire nel processo di diversificazione di una piattaforma che non vuole più essere associata solamente al poker online.

 

 

Un processo di allargamento delle opportunità offerte ai giocatori iniziato dopo l’acquisizione di Rational Group da parte di Amaya Gaming e che si è tradotto, in seguito, nella creazione delle nuove sezioni dedicate alle scommesse sportive e ai giochi di casinò che hanno affiancato quella tradizionale legata al poker online. E se questa diversificazione ha attirato un pubblico non esclusivamente “poker-oriented”, ha avuto anche la conseguenza di ridefinire la tradizionale offerta, creando delle vere e proprie discipline ibride (Beat the Clock e Spin & Go su tutti) in grado avvicinare nuovi giocatori occasionali e fan dei casinò al mondo del Texas Hold’em sportivo. Una direzione che ha fatto storcere la bocca ai puristi e ad alcuni dei professionisti più affermati ma che ha indubbiamente contribuito a mantenere al top la poker room più conosciuta al mondo.

 

 

 

 

“Microgaming non ha bisogno di presentazioni – ha commentato nelle interviste post-accordo un dirigente di PokerStars, Guy Templer – e siamo eccitati dal fatto che i nostri utenti potranno usufruire delle migliori opportunità che la piattaforma Quickfire è in grado di offrire”.

 

Un accordo indubbiamente importante per PokerStars quello appena concluso con Microgaming, che tuttavia secondo alcuni potrebbe allontanare ancora di più quei giocatori affezionati alla purezza dell’offerta della poker room precedente alla gestione Amaya. Già oggi, come detto in precedenza, molti nuovi giochi si basano su una filosofia ibrida che mischia poker sportivo e casinò games, ma l’avvento di una miriade di titoli di slot in più potrebbe essere visto come il passaggio finale verso l’annacquamento dello spirito tradizionale. Senza dimenticare il fatto che la room della picca rossa sta lanciando sempre di più anche il suo marchio di scommesse sportive, diventando betting partner ufficiale del Leicester City, team inglese allenato da Claudio Ranieri.

 

Si tratta, tuttavia, di una strada obbligata verso l’innovazione, per emergere in un mercato sempre più competitivo. Il futuro per ogni piattaforma di gaming che opera in Paesi in cui il gioco è regolamentato e legale è quello dello sfruttamento della multi-canalità. Una scelta legittima e ben ponderata che non dovrebbe necessariamente implicare lo snaturamento ulteriore della vera essenza del poker sportivo. Diversificazione quindi, ma non obbligatoria ibridazione tra discipline diverse ognuna con i propri appassionati e con un fedele pubblico conquistato nel corso degli anni.

 

 

 

 

 

 

PressGiochi

 

 

 

 

 

 

 

.