04 Dicembre 2022 - 12:14

Playtech registra ricavi per 792,3 mln di euro e mette da parte, per ora, la vendita di Snaitech

Playtech mette da parte – per il momento – i suoi progetti di vendita delle attività B2C Snaitech: potrebbe fornire più valore rimanendo parte del gruppo. Playtech ha annunciato i

23 Settembre 2022

Print Friendly, PDF & Email

Playtech mette da parte – per il momento – i suoi progetti di vendita delle attività B2C Snaitech: potrebbe fornire più valore rimanendo parte del gruppo.

Playtech ha annunciato i risultati del primo semestre 2022, in cui i ricavi sono aumentati del 73% su base annua a 792,3 milioni di euro. Nello specifico, i ricavi di Snaitech sono quasi triplicati a 446,0 milioni di euro.

I mercati regolamentati hanno favorito le prestazioni B2B con le Americhe in crescita del 50% (+37% cc) e l’Europa escluso il Regno Unito in aumento del 39% (+39% cc), guidando un’impressionante crescita dei ricavi B2B del 17% (+13% cc).

“Sono lieto dell’inizio positivo che il Gruppo ha intrapreso nella prima metà del 2022- ha commentato il CEO Mor Weizer – fornendo una performance finanziaria superiore alle nostre aspettative con significativi progressi strategici e operativi realizzati rispetto ai nostri obiettivi. Il nostro successo nel periodo è stato alimentato dalla nostra attività B2B nelle Americhe e in Europa, insieme all’ennesimo contributo eccellente di Snaitech. Continuiamo a fare grandi passi avanti nell’esecuzione della nostra strategia negli Stati Uniti, lanciandoci con Parx Casino in Pennsylvania, firmando diversi accordi entusiasmanti con marchi leader a livello globale e statunitense e l’avanzamento di ulteriori richieste di licenza. Le Americhe rimangono uno dei maggiori motori di crescita del Gruppo, con una continua forte crescita dei ricavi in ​​Messico e Brasile, completata da nuovi lanci e partnership negli Stati Uniti, Canada e Perù”.

Il fornitore avrebbe preso in considerazione la vendita del ramo Snaitech acquisito nel 2018, dopo che i piani di vendita erano falliti. Il consiglio di Playtech ha approvato un’offerta dal gigante delle slot terrestri Aristocrat, ma alla fine gli azionisti hanno rifiutato questo accordo. Un gruppo chiamato TTB Partners ha quindi annunciato che stava valutando un’offerta , tuttavia, a causa delle mutevoli condizioni di mercato, TTB alla fine ha rifiutato di presentare un’offerta per il gigante della tecnologia del gioco d’azzardo.

Per il presidente Brian Mattingley non è il momento giusto per Playtech di vendere la divisione: “La crescita di Snaitech significa che abbiamo ancora potenziale per creare valore da restituire agli azionisti”.

Weizer, nel frattempo, si è detto fiducioso nel futuro di Snaitech perché il settore online in Italia ha ancora ampi margini di crescita.

“La vendita di Finalto è stata completata nel luglio 2022, rappresentando un passo significativo nella nostra strategia di semplificare il Gruppo – continua Weizer – e concentrare i nostri sforzi sui mercati del gioco d’azzardo B2B e B2C ad alta crescita. Rimaniamo in una buona posizione per sfruttare le interessanti opportunità di mercato che ci attendono, guidando una crescita sostenibile a beneficio di tutti i nostri stakeholder. Abbiamo attraversato significative interruzioni e incertezze nel periodo a causa di tensioni geopolitiche e pressioni inflazionistiche ben segnalate.

Le prospettive macroeconomiche rimangono incerte date le tensioni geopolitiche e le pressioni inflazionistiche, tuttavia abbiamo visto la nostra eccellente performance nel primo semestre continuare nel secondo semestre e prevediamo di vedere ottimi risultati continui dalle nostre attività B2B e B2C. Pertanto, siamo fiduciosi sulle prospettive di Playtech per il resto del 2022 e oltre”.

PressGiochi