03 Febbraio 2023 - 20:13

Piemonte: al via l’organizzazione di incontri sul contrasto al gioco d’azzardo patologico

Scadrà il prossimo 20 gennaio il bando lanciato dalla Regione Piemonte e rivolto agli enti locali per l’organizzazione di incontri informativi per la prevenzione e il contrasto al gioco d’azzardo

02 Gennaio 2023

Print Friendly, PDF & Email

Scadrà il prossimo 20 gennaio il bando lanciato dalla Regione Piemonte e rivolto agli enti locali per l’organizzazione di incontri informativi per la prevenzione e il contrasto al gioco d’azzardo patologico (GAP) da svolgersi nel periodo gennaio-dicembre 2023 sul territorio piemontese.

La legge regionale n. 19/21 sul “Contrasto alla diffusione del gioco d’azzardo patologico (GAP)” – si legge nel bando -, tra i diversi interventi previsti, stabilisce, all’ art 1, che la Regione svolga attività di informazione e sensibilizzazione volte a rafforzare la cultura del gioco consapevole; agli artt. 4 e 5 prevede inoltre che la Regione, in collaborazione con gli enti locali, promuova e sostenga iniziative per la prevenzione del gioco d’azzardo patologico e che gli enti locali e le Asl concorrano alla finalità previste dalla legge.

La Giunta regionale, ha quindi individuato come prioritari gli obiettivi di informare capillarmente la collettività su cos’è il gioco d’azzardo e sui rischi correlati, stimolare la presa di coscienza dei giocatori problematici o delle loro famiglie della gravità della situazione e delle sue possibili conseguenze, promuovendo percorsi di avvicinamento e presa in carico da parte delle strutture specialistiche di diagnosi e cura e attuare un sistema integrato di comunicazione e sensibilizzazione maggiormente ramificato sui territori finalizzato all’emersione dei soggetti maggiormente a rischio di dipendenza.

L’Ente che intende partecipare alla Manifestazione di interesse si rende disponibile all’organizzazione, sul territorio di competenza, di un incontro informativo rivolto alla popolazione, sui temi relativi alla prevenzione e al contrasto al gioco d’azzardo patologico (Gap), mettendo a disposizione, senza oneri a carico della Regione Piemonte:

  • una sala incontri con capienza minima di 40 posti, dotata di impianto di amplificazione e service tecnico per le proiezione di filmati/slide;
  • un moderatore dell’incontro (da individuare, per esempio, fra i giornalisti della stampa locale);
  • la promozione dell’incontro attraverso i consueti mezzi di comunicazione utilizzati, cartacei/on line, a supporto della comunicazione attivata dalla Regione Piemonte (es. locandine, inviti, comunicatostampa, etc…).

Da parte sua, la Regione Piemonte si impegna a garantire la partecipazione di un esperto regionale sulle tematiche del Gap, di un referente del Servizio Dipendenze dell’ASL locale, la consegna all’ Ente di materiali informativi da veicolare, la promozione dell’incontro sul portale dedicato www.noneunblegioco.it e sui canali social e, infine,il supporto alla comunicazione degli incontri informativi attraverso i canali informativi regionali.

PressGiochi

Fonte immagine: https://it.depositphotos.com