18 Gennaio 2021 - 13:54

Pescara. Controlli anti Covid: sequestrata una sala gioco

Nella giornata di sabato, l’ufficio dei monopoli per l’Abruzzo, Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, sotto il coordinamento del Gruppo CP-Operazioni della Direzione Generale, ha collaborato con la Questura di

14 Dicembre 2020

Print Friendly, PDF & Email

Nella giornata di sabato, l’ufficio dei monopoli per l’Abruzzo, Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, sotto il coordinamento del Gruppo CP-Operazioni della Direzione Generale, ha collaborato con la Questura di Pescara, Polizia amministrativa, per dare esecuzione al decreto di sequestro preventivo emesso dal Gip del Tribunale di Pescara, dr. Nicola COLANTONIO, su richiesta del P.M. dr.ssa Rosangela DI STEFANO, accogliendo le risultanze di un’attività investigativa sviluppata nei giorni precedenti.

Nel corso dei controlli veniva accertato che i titolari di un esercizio pubblico, senza essere muniti della prescritta licenza di pubblica sicurezza, effettuavano, invece, l’attività di raccolta di scommesse.

I gestori dell’esercizio, oltre che segnalati penalmente, sono stati sanzionati ai sensi dell’art. 4 del D.L 3 marzo 2020 n. 19 per la violazione delle prescrizioni Anti Covid e, ai sensi dell’art. 7, del D.L.gv. 13 settembre 2012 n. 158, per le violazioni della normativa inerente i giochi e le scommesse, per un totale complessivo di oltre 60.000,00 euro.

L’operazione, svolta in sinergia tra la Questura e l’Ufficio Monopoli per l’Abruzzo, ha evidenziato come, anche nel territorio sottoposto a controllo sia presente il fenomeno, già monitorato in altre regioni, riconducibile a chi, avvalendosi dell’escamotage del punto di ricarica svolge, invero, illecitamente le attività riservate alle agenzie di scommesse eludendo, di fatto, tutte le prescrizioni dettate dalle norme vigenti che, tra l’altro, vietano che vi possano essere sale giochi e locali ad esse assimilati, nei pressi di scuole, ospedali, palestre e chiese, intesi come luoghi sensibili della città.

PressGiochi