19 Settembre 2020 - 08:20

Perugia. Piano anti-Gap, Cicchi: “Contro la ludopatia servono azioni di cura e riabilitazione, ma soprattutto di prevenzione”

La Giunta comunale, su proposta dell’assessore Edi Cicchi, ha costituito un Gruppo integrato di lavoro (con il Distretto del Perugino della Azienda Asl Umbria1, con le Associazioni di riferimento), per

06 Agosto 2020

Print Friendly, PDF & Email

La Giunta comunale, su proposta dell’assessore Edi Cicchi, ha costituito un Gruppo integrato di lavoro (con il Distretto del Perugino della Azienda Asl Umbria1, con le Associazioni di riferimento), per la prevenzione, cura e riabilitazione del disturbo del gioco d’azzardo.

Il Piano attuativo dovrà prevedere attività di informazione, di supporto e di inclusione sociale, finalizzate a prevenire la diffusione del disturbo da gioco d’azzardo con un approccio di comunità, regolamentare e contenere l’offerta di gioco d’azzardo lecito, contrastando l’illegalità e promuovendo una cultura alternativa all’azzardo.

Sarà necessario, inoltre, facilitare l’accesso al sistema dei servizi, consolidare e migliorare il sistema dei servizi sanitari deputati alla presa in carico delle persone con Disturbo da Gioco d’Azzardo (DGa) e delle loro famiglie, promuovere l’inserimento del persone con Dga a livello sociale, relazionale e lavorativo e sostenerne le famiglie; infine, sviluppare le attività di monitoraggio dei fenomeni connessi al fenomeno. “E’ necessario – afferma Cicchi – che si intervenga con azioni di cura e riabilitazione, ma soprattutto di prevenzione. Altrettanto importante è avere un approccio integrato che coinvolga istituzioni e servizi”.

 

Il Tar Umbria boccia i limiti orari a Perugia

 

PressGiochi