29 Settembre 2020 - 00:14

Pe. Bieńkowska: “Consenso generale tra gli Stati Membri sulla necessità di proteggere i minori dal gioco d’azzardo on line”

“La Commissione – ha dichiarato l’europarlamentare Bieńkowska, rispondendo a un’interrogazione presentata lo scorso ottobre dall’onorevole Mairead McGuinness per assicurare che i bambini non siano esposti a pubblicità di gioco d’azzardo online –

14 Dicembre 2016

Print Friendly, PDF & Email

“La Commissione – ha dichiarato l’europarlamentare Bieńkowska, rispondendo a un’interrogazione presentata lo scorso ottobre dall’onorevole Mairead McGuinness per assicurare che i bambini non siano esposti a pubblicità di gioco d’azzardo online – è a conoscenza delle ricerche sui potenziali pericoli di giochi online per i minori le quali indicano una maggiore prevalenza del problema di gioco per le persone esposte ai giochi online in tenera età. Questi temi sono discussi periodicamente nell’incontro con i regolatori di gioco d’azzardo nel gruppo di esperti per Gioco d’azzardo Servizi su tutti gli aspetti legati al gioco d’azzardo on-line”.

“Vi è un consenso generale tra gli Stati membri sulla necessità di proteggere i minori dalla pubblicità sul gioco d’azzardo. La raccomandazione 2014/478 / UE del 14 luglio 2014 sui “principi per la tutela dei consumatori e degli utenti dei servizi di gioco d’azzardo on-line e per la prevenzione dell’accesso di minori da gioco d’azzardo on-line” contiene i principi per i regolatori di gioco nazionali per quanto riguarda la pubblicità del gioco d’azzardo. La raccomandazione contiene principi specifici riguardanti l’esposizione dei minori alla pubblicità di gioco,  suggerimenti quali ad esempio inserire messaggi “gioco d’azzardo vietato ai minori” nelle comunicazioni commerciali o evitare la pubblicità del gioco d’azzardo sui media e sui siti web che abbiano come principale pubblico i minori.

Inoltre, la Commissione co-finanzia il progetto Safer Internet Centre (SIC) in tutti gli Stati membri. Il SIC nasce per sensibilizzare i bambini, i genitori e gli insegnanti sui rischi che i bambini possono incontrare on-line e consentire loro di far fronte a questi rischi, compresi quelli relativi ai giochi online”.

PressGiochi