29 Settembre 2020 - 18:44

Pavia. Gregorini (Vicesindaco): “Soddisfazione per il benestare del Tar al nostro regolamento contro il gioco”

«Siamo soddisfatti – commenta il vice sindaco e assessore al commercio, Angela Gregorini – per la decisione del Tar. Devo dare atto del grande impegno messo in campo dal movimento

25 Luglio 2016

Print Friendly, PDF & Email

«Siamo soddisfatti – commenta il vice sindaco e assessore al commercio, Angela Gregorini – per la decisione del Tar. Devo dare atto del grande impegno messo in campo dal movimento No slot per ottenere questo risultato».

La scorsa settimana infatti il Tribunale amministrativo regionale ha dato l’ok alla legge comunale adottata da Pavia per introdurre limiti orari all’offerta di giochi d’azzardo definendo l’intervento dell’amministrazione Depaoli  “adeguato rispetto al concreto pericolo da affrontare” anche in considerazione della relazione dell’Asl e del comitato No slot.

Nel 2014, poco dopo l’insediamento, Massimo Depaoli firmò un’ordinanza che prevedeva la possibilità di giocare alle macchinette mangiasoldi solo tra le 10 e le 13 e dalle 18 alle 23. Ovviamente la decisione del primo cittadino venne immediatamente impugnata davanti alla giustizia amministrativa da vari esponenti di società legate al gioco.

Il Comune di Pavia, che era assistito dall’avvocato Rocco Massato, ha saputo giocare bene le proprie carte. Tra la documentazione depositata, quindi, vi è stata una relazione del Dipartimento dipendenze dell’Asl di Pavia, con le 115 diagnosi di “gambling”, dipendenza patologica da gioco d’azzardo, stilate nel solo 2013; una relazione tecnica del movimento No slot di Pavia; alcuni riscontri provenienti dalla Casa del Giovane.

Il Tar, nel respingere il ricorso ha scritto: «Il Comune di Pavia ha scelto tra le opzioni a sua disposizione, con valutazione che non presta il fianco a censure di irragionevolezza, una soluzione che fosse in grado di allontanare dai fenomeni di dipendenza patologica i soggetti più fragili, diminuendone oggettivamente – tramite una limitazione oraria – l’esposizione al rischio».

PressGiochi

 

Pavia. Depaoli: “Renzi intervenga contro proposta fatta in Conferenza Unificata sui giochi”