01 Ottobre 2020 - 14:15

Passamonti (SGI): “L’esclusione dei rappresentanti della filiera da Osservatorio sul Gap è un’occasione persa e la sconfitta del dialogo”

“La mancata inclusione dei rappresentanti della filiera industriale del gioco pubblico e legale dall’Osservatorio sul Gap istituito presso il Ministero della Salute è un’occasione persa, una sconfitta per una prospettiva

24 Luglio 2015

Print Friendly, PDF & Email

“La mancata inclusione dei rappresentanti della filiera industriale del gioco pubblico e legale dall’Osservatorio sul Gap istituito presso il Ministero della Salute è un’occasione persa, una sconfitta per una prospettiva di dialogo e confronto tra tutti i protagonisti interessati. Un passo falso lungo quel percorso che deve condurre il settore del gioco legale al raggiungimento di quell’equilibrio virtuoso, da sempre e da più parti auspicato, tra tutela dei cittadini, ordine pubblico, salvaguardia delle entrate erariali e difesa della libertà di impresa. Ma questo obiettivo non potrà essere raggiunto fino a quando sarà negata l’opportunità di instaurare un dialogo franco e finalmente costruttivo tra tutti gli interlocutori interessati, senza alcuna discriminazione preventiva e con pari dignità, come avviene in altri Paesi dove la leale collaborazione tra le parti coinvolte è una consolidata tradizione democratica. Purtroppo è stata preferita una strada opposta, se non contradditoria. Del resto, infatti, gli stessi protagonisti a cui oggi sono state chiuse le porte del dialogo sono gli stessi con i quali lo Stato ha definito e definisce rapporti di concessione e gestione del gioco legale”.

 

E’ quanto dichiara Massimo Passamonti, Presidente di Sistema Gioco Italia, la Federazione di filiera dell’industria del gioco e dell’intrattenimento aderente a Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici, in merito all’istituzione dell’Osservatorio sul gioco patologico presso il Ministero della Salute.

 

 

PressGiochi