22 Settembre 2020 - 15:35

Palumbo (Eurispes): “Serve intervento attuativo di ADM affinche le norme della Stabilità siano utili”

“Quello del gioco d’azzardo è un settore che produce un elevato Pil” ha dichiarato Giovanbattista Palumbo direttore dell’Osservatorio Eurispes al convegno Gaming e Fiscalità. Va ricordato tuttavia che si riscontra

07 Giugno 2016

Print Friendly, PDF & Email

“Quello del gioco d’azzardo è un settore che produce un elevato Pil” ha dichiarato Giovanbattista Palumbo direttore dell’Osservatorio Eurispes al convegno Gaming e Fiscalità.

Va ricordato tuttavia che si riscontra negli ultimi anni una diminuzione dei giochi tradizionali e un contestuale aumento dell’online e delle slot. Comunque prima non c’era una normativa adatta per i giochi.

Sul fronte delle scommesse in Italia abbiamo un doppio binario caratterizzato da due gruppi: da un lato una rete autorizzata di 7500 punti vendita, cresciuta del 20 percento e dall’altro centri scommesse legati a bookmakers esteri non tassati.

Linee classiche di accusa sono la “stabile organizzazione occulta di mezzi e persone” che non vengono tassati. Nel caso dei centri trasmissione dati ci sono sedi fisse e questo ha portato un accelerazione nelle norme. La tassazione scatta dopo alcuni presupposti, come operare in Italia oltre 6 mesi e usare flussi superiori a 500mila euro.

In Inghilterra- ha proseguito Palumbo – è stata introdotta una normativa dove si tassa per tanti altri presupposti la “stabile organizzazione”, stessa linea che si sta usando in Italia per stabilire quella che sarà una ‘digital tax’ vera e propria.

La stabile organizzazione virtuale deve superare completamente il concetto di sede fissa, che con la fluidità del mondo internet attuale ha poco senso e su questo si stanno indirizzando le sentenze. Infatti si cerca di capire se effettivamente esistono sedi che fanno “affari”.

Raccolta e centro di trasmissione indicano un’attività economica. La normativa del settore giochi è complessa e attiene a tanti ambiti ognuno con delle esigenze specifiche e complesse. I problemi sono tanti.

Abbiamo oggi degli strumenti normativi che devono essere adeguati, perché la Stabilità sia concretizzata serve il decreto attuativo delle dogane. Abbiamo però gli strumenti e una nuova mentalità e l’approccio politico e delle forze dell’ordine e gli altri operatori è giusto”.

PressGiochi