04 Agosto 2020 - 04:24

Ok del Senato alla Legge europea. Fattori (M5S): “Ignobile inserimento articolo sul gioco online”

L’Assemblea del Senato nella seduta di ieri ha approvato, con modifiche, la legge europea 2015; via libera anche per le risoluzioni della 14a Commissione sulle relazioni relative alla partecipazione dell’Italia

11 Maggio 2016

Print Friendly, PDF & Email

L’Assemblea del Senato nella seduta di ieri ha approvato, con modifiche, la legge europea 2015; via libera anche per le risoluzioni della 14a Commissione sulle relazioni relative alla partecipazione dell’Italia all’Unione Europea. I testi passano alla Camera dei deputati. La legge europea è – assieme alla legge di delegazione europea – uno dei due strumenti predisposti al fine di adeguare periodicamente l’ordinamento nazionale a quello dell’Unione europea. L’articolo 29 della legge vincola il Governo alla presentazione alle Camere su base annuale di un disegno di legge dal titolo “Disposizioni per l’adempimento degli obblighi derivanti dall’appartenenza dell’Italia all’Unione europea”, completato dall’indicazione “Legge europea” seguita dall’anno di riferimento.

 

A commentare gli interventi inseriti in materia di giochi, ieri è intervenuta la senatrice Elena Fattori che ha commentato: “quello che a noi lascia molto l’amaro in bocca in tutta questa legge europea è il famoso articolo sul gioco on line che non riusciamo proprio ad accettare. Quindi, già dà adesso preannuncio il voto di astensione del Movimento 5 Stelle perché, come sempre, infilate cose assolutamente ignobili in un contesto che avrebbe una sua dignità e non possiamo accettare tutte le acrobazie di recepimento creativo”.

PressGiochi

Legge europea 2015. Fattori (M5S): “Tassiamo il gioco ma non si pensa affatto alla ludopatia”

Cociancich (Pd): “La legge europea interviene sulla tassazione dei vincitori non sulle case da gioco”