27 Settembre 2020 - 11:38

Novara: un incontro tra operatori e amministratori comunali per parlare di ‘gioco buono per il territorio’

La città di Novara è stata recentemente coinvolta da due ordinanze comunali di restrizione all’orario di esercizio degli apparecchi da gioco lecito. La Regione Piemonte, dal suo canto, ha varato

30 Maggio 2016

Print Friendly, PDF & Email

La città di Novara è stata recentemente coinvolta da due ordinanze comunali di restrizione all’orario di esercizio degli apparecchi da gioco lecito. La Regione Piemonte, dal suo canto, ha varato una Legge “espulsiva” degli apparecchi installati e degli insediamenti commerciali dedicati alla raccolta del gioco lecito che si cumula al divieto di installazione nelle aree “c.d.” sensibili (c.d. in quanto solo i boschi e i campi coltivati ne risulterebbero al di fuori).

Di questi temi, unitamente alle ultime novità in tema di esazione forzata dei 500 milioni contemplati dalla legge n. 190/2014, si discuterà alla riunione indetta da AS.TRO a Novara, per il prossimo primo giugno alle ore 10,00, presso l’HOTEL LA BUSSOLA, in via Boggiani n. 54.

Il presidente onorario di AS.TRO, Mario Negro inaugurerà l’incontro a cui è stata invitata a partecipare l’Amministrazione Comunale di Novara, nella persona dell’assessore Sara Paladini. Uno dei motivi che hanno spinto AS.TRO al coinvolgimento dell’Istituzione Territoriale è la presentazione di una “proposta di un gioco buono anche per il territorio” a cui si affida la inversione di tendenza delle politiche locali di contrasto al G.A.P..

PressGiochi