11 dicembre 2019
ore 03:11
Home Cronaca New addiction e gioco d’azzardo patologico. Dellantonio (Sert Bolzano): “Non basta eliminare un prodotto per affossare la dipendenza”

New addiction e gioco d’azzardo patologico. Dellantonio (Sert Bolzano): “Non basta eliminare un prodotto per affossare la dipendenza”

Gioco d’azzardo Patologico - Capitolo a parte per il gioco d'azzardo che in provincia è sempre al centro della discussione, sia per la sua espansione sia per i percorsi creati per arginarlo. «In questo particolare campo - spiega il responsabile del Sert - vanno considerati alcuni mediatori chimici che si innescano nei meccanismi di funzionamento biologico del piacere nel gioco. Non c'è solo la speranza di vincere, ma proprio una catena di piaceri determinati dall'andare in cerca di questa vincita». Il moderno orizzonte del settore, però, sembra essere quello delle nuove dipendenze. Dalle tecnologie a braccetto con i social network fino al sesso passando per i videogiochi. «Si parla molto di questi fenomeni, è vero, ma qui il contorno teorico è leggermente diverso. Più che una dipendenza si tratta di eccessi di abitudine. Il guaio, in questo caso, è il comportamento ripetitivo e quasi ossessivo, ma non sconfina nella perdita di controllo data dalle sostanze
SHARE
New addiction e gioco d’azzardo patologico. Dellantonio (Sert Bolzano): “Non basta eliminare un prodotto per affossare la dipendenza”

«Nicotina e cocaina, senza dubbio». Al capitolo ricadute sono queste le sostanze che colpiscono in modo più frequente. Difficile uscire da qualsiasi dipendenza, durissimo, ma le sigarette e la polvere bianca rendono il percorso particolarmente complesso. A raccontare il complicato cammino di chi cerca di non ricascarci è il referente del Sert, servizio per le dipendenze del Comune di Bolzano, Elio Dellantonio. «Non è semplice fare certe classifiche, è chiaro, ma la nicotina e la cocaina hanno questa tendenza a rendere la ricaduta particolarmente rischiosa».

Anzi. Se nicotina e cocaina sono le prime in classifica, di certo le altre sostanze non sono delle passeggiate. «Assolutamente no – conferma Dellantonio – perché i rischi di ricadute sono elevati anche con eroina, hashish e anfetamine. È difficile anche tracciare delle statistiche o dare delle cifre perché comunque il fenomeno della ricaduta è complesso e ha molte facce».

 

Gioco d’azzardo Patologico – Capitolo a parte per il gioco d’azzardo che in provincia è sempre al centro della discussione, sia per la sua espansione sia per i percorsi creati per arginarlo. «In questo particolare campo – spiega il responsabile del Sert – vanno considerati alcuni mediatori chimici che si innescano nei meccanismi di funzionamento biologico del piacere nel gioco. Non c’è solo la speranza di vincere, ma proprio una catena di piaceri determinati dall’andare in cerca di questa vincita».

 

Il moderno orizzonte del settore, però, sembra essere quello delle nuove dipendenze. Dalle tecnologie a braccetto con i social network fino al sesso passando per i videogiochi. «Si parla molto di questi fenomeni, è vero, ma qui il contorno teorico è leggermente diverso. Più che una dipendenza si tratta di eccessi di abitudine. Il guaio, in questo caso, è il comportamento ripetitivo e quasi ossessivo, ma non sconfina nella perdita di controllo data dalle sostanze stupefacenti o dall’alcol. Bisogna individuare bene il motivo della gratificazione nascosta in questo atteggiamento e ragionare su quello».

 

Rientra tra le criticità delle dipendenze anche i problemi legati all’alimentazione come la bulimia.

«Non tutte le dipendenze possono essere affrontate con l’eliminazione totale della sostanza in grado di innescarle. La bulimia ha a che fare con qualcosa che è centrale per la nostra sopravvivenza e quindi non può essere accantonato. La stessa cosa si può dire per la dipendenza tecnologica perché ormai il cellulare fa parte della nostra vita umana e professionale. Non si può pensare di risolverla decidendo semplicemente di eliminarlo perché sarebbe una contraddizione con la vita quotidiana e reale. Va tutto considerato e in questo caso la dipendenza va considerata sconfitta non quando si riesce a mettere da parte qualcosa, ma quando si riesce a controllare l’atteggiamento che si ha verso questa abitudine. Sembrano sfumature sottili, ma cambiano molto anche dal punto di vista della qualità e della quantità con cui ci si avvicina, per esempio, a un cellulare o a agli alimenti».

 

Si fa presto, dunque, a ipotizzare un percorso unico e diritto per affossare una dipendenza evitando le trappole delle ricadute. Le terapie, invece, sono tentacolari e le strade possibili molteplici. Il che rende la battaglia ancora più difficile e complicata contro nemici che si nascondono dentro.

 

PressGiochi

banner

PASSWORD RESET

Inserisci codice di sicurezza * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.


LOG IN