04 Agosto 2020 - 03:54

Monopoli. Ancora a lavoro su progressioni economiche dei dipendenti: disponibile fondo da 1,5 mln.

Questa settimana si è finalmente tenuta la prima riunione sulle nuovi progressioni economiche all’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli. L’Agenzia ha fornito le cifre fisse e ricorrenti potenzialmente disponibili a

08 Giugno 2015

Print Friendly, PDF & Email

Questa settimana si è finalmente tenuta la prima riunione sulle nuovi progressioni economiche all’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli. L’Agenzia ha fornito le cifre fisse e ricorrenti potenzialmente disponibili a finanziare i passaggi: circa 10 milioni alle dogane ed 1,5 ai monopoli.

Dopo una premessa del Direttore del personale che ha comunicato l’avanzamento dei contatti con l’IGOP – Funzione Pubblica su una serie di questioni in sospeso per addivenire ad una prossima soluzione, l’Amministrazione ha comunicato una stima delle somme fisse e ricorrenti relative all’anno 2015 su cui ragionare per i passaggi di fascia. Si tratta di una stima sulla base del Fondo 2013 non potendo ancora costituire il Fondo del 2015.   Allo stato attuale le risorse che potrebbero essere disponibili ammontano a circa 10.000.000 di euro per le Dogane e 1.500.000 di euro per i Monopoli.

E’ stato precisato inoltre che tali somme, nelle more del blocco dei passaggi di fascia nelle annualità precedenti, sono state utilizzate per il pagamento della “produttività collettiva” al personale e pertanto è intervenuta la necessità di una importante riflessione  sul quantum da destinare alle progressioni economiche, viste anche le incognite non ancora note sulla costituzione del fondo 2015.

 

Per l’occasione la FP CGIL ha chiesto di ricevere ulteriori informazioni per fare una valutazione completa della questione.

La riunione non è andata molto al di là della presentazione di queste cifre, non si sono fatti passi avanti circa le modalità con cui procedere, per cui  molti aspetti devono ancora essere definiti, primo fra tutti quello dell’unificazione dei Fondi.

Come commenta USB Impiego Pubblico – “possiamo comunque dire che è una cifra che complessivamente permetterebbe, dopo anni di blocco delle progressioni,  di chiudere la seconda ondata di progressioni economiche per tutti quelli che non ne hanno ancora beneficiato. Per USB dovrà essere questo l’obiettivo minimo da raggiungere nei prossimi incontri, destinandovi tutte le risorse fisse e ricorrenti disponibili, con priorità verso qualsiasi altri utilizzo.

E’ stato anche posto il problema dello svuotamento della prima area. L’Agenzia  ha affermato di condividere la necessità di procedere allo svuotamento, ma di aver bisogno di tempo per approfondire la questione dell’applicazione del CCNL (quando i monopoli entrarono nel CCNL Agenzie Fiscali una norma di raccordo, mai applicata, prevedeva la possibilità di svuotare la prima area)”.

PressGiochi