21 Ottobre 2021 - 09:34

Moige presenta lo studio ‘Venduti ai minori’ su alcol, tabacco e giochi d’azzardo

Alcol, tabacco, cannabis, giochi d’azzardo, ma anche videogiochi 18+ e pornografia sembrano essere più accessibili di quanto crediamo, anche per i giovani e i giovanissimi. Mercoledì 20 ottobre 2021, dalle

14 Ottobre 2021

Print Friendly, PDF & Email

Alcol, tabacco, cannabis, giochi d’azzardo, ma anche videogiochi 18+ e pornografia sembrano essere più accessibili di quanto crediamo, anche per i giovani e i giovanissimi.

Mercoledì 20 ottobre 2021, dalle 10 alle 13, si terrà l’evento online di presentazione dei dati inediti emersi dall’indagine “Venduti ai Minori”, promossa dal Moige – Movimento Italiano Genitori, in collaborazione con l’istituto Piepoli, sull’accesso ai minori di prodotti vietati o inadatti, svolta su un panel di ragazzi tra i 10 e i 14 anni (54%) e tra i 15 e i 20 anni (46%), che frequentano le scuole medie (53%) o superiori (47%), sia maschi (42%) sia femmine (58%).

Alla luce dei dati emersi, il MOIGE lancia un allarme, denunciando un accesso piuttosto diffuso di questi prodotti vietati tra i minori in Italia, e auspicando maggiori controlli e sanzioni per i trasgressori. Nonostante i divieti di legge, giovani e giovanissimi continuano a consumare troppo alcol, tabacco, gioco d’azzardo, pornografia, videogiochi 18+ e cannabis light. Una diffusione certamente legata alla facilità con cui riescono ad avervi accesso. Ad esempio, il 57% degli intervistati dichiara che al momento dell’acquisto di bevande alcoliche il venditore non ha verificato la sua età, percentuale che sale al 62% per il tabacco e le sigarette e addirittura al 71% per le infiorescenze di cannabis light.

PressGiochi