23 Settembre 2020 - 19:07

Modena approva odg contro il gioco: niente più slot nei locali del comune

Il consiglio comunale di Modena ha approvato quest’oggi l’ordine del giorno presentato dal Movimento 5 Stelle nel quale si chiedeva all’amministrazione di mettere in campo tutte le misure di sua

22 Maggio 2015

Print Friendly, PDF & Email

Il consiglio comunale di Modena ha approvato quest’oggi l’ordine del giorno presentato dal Movimento 5 Stelle nel quale si chiedeva all’amministrazione di mettere in campo tutte le misure di sua competenza per contrastare la ludopatia e i danni psicologici creati dalla dipendenza da videoslot, lotterie istantanee e giochi on-line.

Niente più slot nei locali comunali dati in concessione ai privati come le polisportive, dove al loro interno, in passato, sono state allestite delle vere e proprie sale giochi in antitesi con i valori dello storico associazionismo sportivo-ricreativo e del volontariato modenese.

L’Amministrazione si è quindi impegnata a favorire con sgravi fiscali i pubblici esercizi che intendono rinunciare all’offerta verso la propria clientela di strumenti come slot-machines e VLT. Si ricorda che già la regione Emilia-Romagna ha previsto il rilascio di un marchio specifico “Slot freE-R” ai gestori di esercizi che scelgono di togliere o non installare macchinette per il gioco d’azzardo, diventate una piega sociale.

 

Soddisfatto della novità il deputato Pd Edoardo Patriarca, che parla di «segnale importante» da Modena: «proprio su queste delicate tematiche confermo l’impegno dell’intergruppo parlamentare contro il gioco d’azzardo patologico, di cui faccio parte, da tempo al lavoro per mantenere aperto il confronto con il governo sulla stesura di uno specifico decreto. Negli ultimi incontri- spiega Patriarca in una nota- abbiamo fatto passi avanti decisamente positivi. Rimangono aperte alcune questioni».

 

PressGiochi