25 Gennaio 2021 - 23:53

Milleproroghe, rinvio della lotteria degli scontrini di un mese

La Lotteria degli Scontrini, che sarebbe dovuta partire il 1 gennaio 2021, potrebbe slittare di 1 mese, o forse due. L’intervento è previsto all’interno del cosiddetto “Milleproroghe” di fine anno.

28 Dicembre 2020

Print Friendly, PDF & Email

La Lotteria degli Scontrini, che sarebbe dovuta partire il 1 gennaio 2021, potrebbe slittare di 1 mese, o forse due. L’intervento è previsto all’interno del cosiddetto “Milleproroghe” di fine anno.

Secondo quanto previsto nel testo, la Lotteria degli Scontrini potrebbe iniziare il 1 febbraio prossimo, mentre la possibilità di segnalare gli esercenti non allineati avrebbe inizio a partire dal 1 marzo. Tuttavia occorre notare come questa proroga potrebbe in linea teorica essere l’ultima, visto che un intervento dell’Agenzia delle Entrate dell’antivigilia di Natale ha dato tempo agli esercenti fino al 31 marzo per l’adeguamento definitivo con i registratori di cassa telematici.

Al momento la partenza della lotteria degli scontrini sarebbe stata spostata al 1° febbraio 2021 così da concedere qualche settimana in più agli esercenti per adeguare i registratori di cassa. In questa direzione va letta anche l’altro minidifferimento al 1° marzo 2021 per il via alle segnalazioni al Fisco da parte dei contribuenti di quegli degli esercenti che non rilasceranno lo scontrino impedendo ai cittadini di partecipare alle estrazioni settimanali, mensili e annuali.

Non è escluso però che in queste ultime ore che separano il testo del decreto legge approvato il 23 dicembre in Cdm e il suo approdo sulla Gazzetta Ufficiale, ora fissato al 30 dicembre 2020, quel termine del 1° febbraio possa anche diventare 1° marzo 2021 e a seguire il via delle segnalazioni possa slittare ancora più avanti al 1° aprile 2021.

Non è casuale, infatti, che la stessa agenzia delle Entrate alla vigilia di Natale, abbia concesso più tempo ai negozianti e per adeguarsi al nuovo tracciato telematico per l’invio dei dati dei corrispettivi giornalieri (versione 7.0 del giugno 2020), lasciando comunque la possibilità fino a quella data di trasmettere i dati attraverso la versione precedente (6.0).

Questo intervento era stato chiesto a gran voce da Confesercenti in virtù di costi e tempi complessi per l’adeguamento (sia hardware che software). Il Governo ha pertanto previsto lo slittamento della Lotteria, così che tutti possano rimettersi in pari e ci sia la possibilità di un inizio più incisivo del provvedimento nel giro di un paio di mesi.

Calendario a parte la volontà del Governo è quella di far partire la Riffa di Stato anche per potenziare la lotta al contante e al sommerso contribuendo così al finanziamento dei quel nuovo Fondo della fedeltà fiscale introdotto con la manovra di bilancio 2021 e destinato a finanziare la più ampia rifoma fiscale.

 

Di seguito la parte del Milleproroghe relativa alla Lotteria dei corrispettivi che PressGiochi ha potuto visionare in anteprima.

 

Proroga di termini in materia di lotteria dei corrispettivi

All’articolo 1, comma 544, della legge 11 dicembre 2016, n. 232, dopo le parole “Agenzia delle entrate,” sono inserite le seguenti: “da adottarsi entro e non oltre il 1° febbraio 2021,”, e dopo le parole “ogni altra disposizione necessaria” sono inserite le seguenti: “per l’avvio e”.

All’articolo 1, comma 540, della legge 11 dicembre 2016, n. 232, al terzo periodo, le parole “Nel caso in cui” sono sostituite dalle seguenti: “A decorrere dal 1° marzo 2021, nel caso in cui”.

All’articolo 141, comma 1-ter, del decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 luglio 2020, n. 77, le parole da “può avvalersi” fino a “sei unità” sono sostituite dalle seguenti: “può conferire fino a sei incarichi di collaborazione ai sensi dell’articolo 7, comma 6, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165”.

PressGiochi