27 Settembre 2020 - 15:38

Martellago. Oggi la presentazione dell’indagine sull’offerta di gioco nel miranese

Si tiene questo pomeriggio a Martellago l’incontro dal titolo Un’unica rete nel Miranese contro il gioco d’azzardo’ per la presentazione dell’indagine sull’offerta del gioco d’azzardo nel territorio composto dai comuni

01 Luglio 2015

Print Friendly, PDF & Email

Si tiene questo pomeriggio a Martellago l’incontro dal titolo Un’unica rete nel Miranese contro il gioco d’azzardo’ per la presentazione dell’indagine sull’offerta del gioco d’azzardo nel territorio composto dai comuni di Martellago, Mirano, Noale, Salzano, Santa Maria di Sala, Scorzé e Spinea.

Sarà un confronto con i Sindaci del Miranese per un impegno concreto sul territorio. A partecipare: Roberto Tommasi – Coordinatore Regionale di Libera; Fabio Bui – Vicepresidente della Provincia di Padova e Sindaco di Loreggia; Don Luigi Tellatin – Parroco di Facca (Cittadella).

Questi comuni, aderendo al Manifesto dei sindaci contro il gioco d’azzardo si sono infatti, impegnati a ‘favorire l’organizzazione in RETE dei Comuni consapevoli che insieme si è più forti e si può contrastare la diffusione del gioco d’azzardo; Favorire RETI SOVRATERRITORIALI con le ASL per monitorare, prevenire, contrastare il gioco d’azzardo e curare i giocatori patologici; Favorire occasioni di FORMAZIONE degli amministratori, degli operatori, degli esercenti e dei cittadini, consapevoli del ruolo insostituibile della cultura per conoscere e comprendere la portata e le conseguenze del gioco d’azzardo, costruire nuovi atteggiamenti e nuove mentalità, recuperare i valori fondanti delle nostre società basati sul lavoro, sull’impegno e sui talenti.

Inoltre, si impegnano ad utilizzare gli strumenti disponibili per esercitare tutte le attività possibili di contrasto al gioco d’azzardo e impegnare le amministrazioni ad includere nelle future convenzioni per la concessione in uso di aree o strutture pubbliche il divieto di installazione di slot-machine e macchine per il gioco d’azzardo.

PressGiochi