21 Settembre 2020 - 17:56

Mantova. Sequestrate dalla GDF quattro sale scommesse illegali

Nel corso di un’attività volta al contrasto del fenomeno delle scommesse clandestine, i finanzieri del Nucleo Mobile della Compagnia di Mantova hanno sequestrato, a seguito di un intervento effettuato con

02 Luglio 2015

Print Friendly, PDF & Email

Nel corso di un’attività volta al contrasto del fenomeno delle scommesse clandestine, i finanzieri del Nucleo Mobile della Compagnia di Mantova hanno sequestrato, a seguito di un intervento effettuato con personale dell’amminstrazione dei monopoli di Stato, quattro centri di raccolta scommesse sportive abusivi, a Viadana, Casalmaggiore e in provincia di Modena e Reggio Emilia, tutti privi delle autorizzazioni indispensabili per operare nel territorio nazionale.

L’attività di scommesse veniva pubblicizzata grazie a vetrine raffiguranti attività sportive e gli avventori del locale potevano decidere su molteplici competizioni sportive, proiettate all’interno del centro scommesse, fra cui calcio e corse di cavalli o cani. Il giocatore, per poter sfidare la sorte, anche in modo virtuale, poteva utilizzare una delle tante postazioni informatiche messe a disposizione dai gestori dei locali, oltre a schedine di gioco, palinsesti ed altro materiale utile per le giocate.

Nella flagranza del reato di “esercizio abusivo dell’attività di giuoco o di scommessa”, così come recita l’articolo 4 della Legge 401/1989, le Fiamme Gialle hanno segnalato alla Procura della Repubblica di Mantova i gestori del centro scommesse mantovano e a sequestrare il locale, oltre a postazioni informatiche messe a disposizione del pubblico, monitor tv, stampanti termiche utilizzate per la stampa di scontrini delle giocate, materiale pubblicitario ed altra documentazione riconducibile all’esercizio abusivo di scommesse sportive.

Conseguentemente al primo intervento, su delega conferita dalla locale autorità giudiziaria i finanzieri hanno sottoposto a sequestro, nelle province di Modena, Reggio Emilia e a Casalmaggiore (Cr), ulteriori tre unità locali, unitamente alle rispettive postazioni informatiche, monitor, denaro in contanti ed altro utilizzato per la raccolta delle scommesse, sempre svolte in totale assenza di autorizzazione, interrompendo l’attività illegale. L’operazione condotta dai militari della Guardia di Finanza di Mantova si inserisce in un più ampio contesto di attività finalizzate al contrasto del gioco illegale ed abusivo, che costituisce sia una minaccia alla sicurezza dei consumatori sia una piaga per molte famiglie, spesso coinvolte nel vortice della ludopatia.

PressGiochi