06 Agosto 2020 - 12:09

Mantova. Processo a quattro imprenditori del gioco d’azzardo. La Procura: “Hanno fatto sparire di proposito la contabilità”

In questi giorni l’udienza a carico di quattro imprenditori del gioco d’azzardo imputati di bancarotta documentale fraudolenta. Gli imputati sono accusati della sparizione dei libri contabili di tre società che,

02 Febbraio 2016

Print Friendly, PDF & Email

In questi giorni l’udienza a carico di quattro imprenditori del gioco d’azzardo imputati di bancarotta documentale fraudolenta. Gli imputati sono accusati della sparizione dei libri contabili di tre società che, tutte dichiarate fallite nel dicembre del 2010, avevano sede a Mantova e gestivano una serie di sale da gioco tra il mantovano e le provincie di Brescia, Napoli, Parma e Modena. La Procura crede che queste persone abbiamo fatto sparire di proposito la contabilità delle loro società per occultare la ricostruzione del loro patrimonio e ingannare i loro creditori. In coda all’udienza ha deposto il curatore che ha descritto per sommi capi il valore dei beni delle tre società inventariati a un paio di mesi dal fallimento, all’incirca sui 140mila euro, troppo poco a secondo degli inquirenti. “Mi sono dimesso perché non mi pagavano e perché mi sono accorto che era difficile ricostruire la situazione gestionale e contabile in modo compiuto e corretto». Ha dichiarato ai giudici il commercialista che seguiva le società. La prossima udienza è stata fissata per il 12 settembre.

 

PressGiochi