21 Settembre 2020 - 06:30

Mantova. Longfils (FI) a PressGiochi: “La sentenza del CdS rafforza la nostra mozione per un nuovo regolamento sull’azzardo”

Il consigliere del Comune di Mantova Giuliano Longfils (Forza Italia) ha raccontato a PressGiochi le motivazioni che hanno spinto la minoranza a presentare una mozione per contrastare la ludopatia regolamentando

15 Giugno 2016

Print Friendly, PDF & Email

Il consigliere del Comune di Mantova Giuliano Longfils (Forza Italia) ha raccontato a PressGiochi le motivazioni che hanno spinto la minoranza a presentare una mozione per contrastare la ludopatia regolamentando il gioco d’azzardo. “Questa delibera di intenti- dichiara-  ci siamo sentiti di farla, perché avevamo affrontato il problema quando amministravamo. Abbiamo fatto delle statistiche con le Asl locali e nella città ci sono 9000 persone che giocano e di queste 1500 sono ludopatici. La novità sostanziale è che il Consiglio di Stato con una sentenza innovativa ha dato spazio alle amministrazioni che contrastano la ludopatia, quindi ha ritenuto corrette le nostre azioni di riduzione degli orari delle slot. Questo perché la pubblica sicurezza appartiene allo stato, ma la sanità è di competenza dei sindaci e degli enti locali”.

Da parte di Longfils, primo firmatario della mozione insieme a Luigi Baschieri (FI) , Michele Annaloro (Movimento 5 Stelle),  Massimo Zera (Lega Nord) e i consiglieri della lista Bulbarelli c’è ottimismo sulla cooperazione politica e la riuscita del successo di questa azione.

“C’è stata un’unione di intenti che va al di là dell’appartenenza ai partiti- prosegue il consigliere-  in questo caso i Cinque Stelle si sono dimostrati partner di buon senso e ora speriamo che il sindaco nei prossimi giorni, accolga le nostre proposte. Con questo nuovo regolamento vogliamo aumentare la distanza dai luoghi sensibili, contrastare le ‘questioni di mafia’ legate al gioco e dare sgravi fiscali a tutti gli esercizi commerciali no-slot”.

“Abbiamo fatto una mappatura- conclude il consigliere Longifils- e nel centro, nella zona Unesco ci sono 52 punti di gioco. Sono troppi, vanno ridotti o addirittura eliminati ed in questo la sentenza del Consiglio di Stato ci sostiene”.

 

PressGiochi

Mantova: dopo le slot, il mirino si sposta sui Gratta&Vinci

 

Mantova. Il Consiglio di Stato conferma ordinanza sui limiti orari alle slot

Mantova. La minoranza propone una mozione sull’azzardo