18 Settembre 2020 - 15:40

Mantero (M5S): “Il MEF non è titolato ad occuparsi di gioco e salute, deve farlo il ministero della salute”

Al governo non importa che gli 8 mld di euro derivanti dal gioco arrivino da persone disoccupate e bisognose, che si rivolgono alla Caritas, e da persone che si ammalano

12 Marzo 2015

Print Friendly, PDF & Email

Al governo non importa che gli 8 mld di euro derivanti dal gioco arrivino da persone disoccupate e bisognose, che si rivolgono alla Caritas, e da persone che si ammalano a causa di questa dipendenza, l’importante è solamente far cassa. Il sottosegretario Baretta in Bicameralina – ha dichiarato in Aula l’on. 5Stelle Matteo Mantero – ci ha detto che il primo obiettivo del governo è tutelare la salute pubblica tuttavia non si tiene in considerazione il lavoro svolto in Commissione salute e le audizioni svolte. Il MEF non è titolato ad occuparsi di gioco e di salute, non ne avete le competenze per farlo, di questo deve occuparsi il ministero della salute. La vostra incompetenza si vede dai decreti emanati. La legge già c’è, mi riferisco alla proposta di legge Binetti ferma in Commissione salute, che deve essere votata e approvata.

Pensiamo al divieto pubblicità – continua Mantero – . Non si pongono divieti alla pubblicità per paura di cause da parte della Commissione europea ma la informo che diverse cause in Ce vanno nella direzione opposta e danno ragione agli Stati che intervengono con divieti per tutelare la salute dei cittadini”.

PressGiochi