03 Febbraio 2023 - 20:09

Manovra. Il M5S chiede la decadenza delle concessioni per i giochi online

“Per il perseguimento della garanzia del gettito erariale, di un’effettiva e adeguata riorganizzazione del settore delle reti di raccolta dei giochi pubblici, che assicuri altresì la tutela della salute pubblica,

09 Dicembre 2022

Print Friendly, PDF & Email

Per il perseguimento della garanzia del gettito erariale, di un’effettiva e adeguata riorganizzazione del settore delle reti di raccolta dei giochi pubblici, che assicuri altresì la tutela della salute pubblica, soprattutto alla luce dell’evoluzione delle innovazioni tecnologiche quanto agli strumenti e agli ambiti di raccolta, con particolare riferimento alle nuove forme di intrattenimento e sport, anche virtuali, le concessioni per la raccolta a distanza dei giochi pubblici, assegnate ai sensi dell’articoli 24, comma 13, lettera a), della legge 7 luglio 2009, n. 88, e dell’articolo 1, comma 935, della legge 28 dicembre 2015, n. 208, in scadenza al 31 dicembre 2022 non sono prorogate automaticamente, decadendo”.

Lo chiedono i deputati del M5S, Quartini, Di Lauro, Marianna Ricciardi, Torto, Dell’Olio, Donno, Carmina, Sportiello in merito alle concessioni in scadenza dei giochi a distanza, all’interno di un emendamento presentato alla Manovra.

In alternativa alla decadenza propongono:

Eventuali richieste di proroga a titolo oneroso fino al 31 dicembre 2023 sono soggette ad importi, che i concessionari dovranno corrispondere, calcolati aggiungendo un importo una tantum pari all’incrementato del profitto realizzato nell’anno 2020 rispetto all’anno 2019, oltre ad un importo da corrispondere calcolato alle condizioni previste dalle convenzioni accessive alle predette concessioni e dalla normativa vigente, incrementate – per ogni concessionario – dei costi sostenuti dal servizio sanitario nazionale per le attività di prevenzione e contrasto al gioco patologico.

Pressgiochi

Fonte immagine: https://it.depositphotos.com