24 Gennaio 2021 - 09:41

Malta. Dal settore del gioco a distanza ricevute 1.445 segnalazioni di transazioni sospette

Nell’ambito di un esercizio di analisi strategica svolto nel 2020, la FIAU mette a disposizione del pubblico alcuni punti al fine di fornire ai soggetti una panoramica dei punti chiave osservati nelle segnalazioni pervenute dal settore del gioco a distanza nel 2019.

30 Novembre 2020

Print Friendly, PDF & Email

Nell’ambito di un esercizio di analisi strategica svolto nel 2020, la Financial Intelligence Analysis Unit (FIAU) mette a disposizione del pubblico alcuni punti al fine di fornire ai soggetti una panoramica dei punti chiave osservati nelle segnalazioni pervenute dal settore del gioco a distanza nel 2019. Non considerando le novità licenziatari, nel 2019 il numero totale di soggetti registrati come operatori di gioco a distanza con il sistema FIAU Caspar è stato di 210. Da questo settore sono pervenute complessivamente 1.445 segnalazioni, in significativo aumento rispetto agli anni precedenti.

Delle 1.445 segnalazioni di transazioni sospette (STR) ricevute dalla FIAU da questo settore nel 2019, il 32% di queste (457 segnalazioni) sono state presentate da 3 società e il 35% da altre 5 società (498). Mentre il restante 33% delle segnalazioni (circa 486) sono state presentate da 72 entità, 29 organizzazioni non governative hanno presentato un rapporto nel 2019 alla FIAU. Pertanto, l’analisi effettuata e i risultati presentati nei paragrafi seguenti rifletterebbero di conseguenza le circostanze e la popolazione di rapporti esaminati, come da osservazioni dei principali giornalisti. I principali motivi di sospetto, che hanno portato a indagare e segnalare alla FIAU il cliente, la situazione o la transazione, si riferiscono a: transazioni (46% dei casi), comportamento (21%), processo di identificazione e verifica e documentazione (16%); inoltre, sono stati segnalati anche il coinvolgimento avverso dei media (3%) e delle giurisdizioni ad alto rischio (2%). I motivi principali per quanto riguarda le transazione sono: incongruenze riscontrate tra le transazioni effettuate e il profilo del cliente; attività di transazione inspiegabile o non coerente con il profilo del cliente noto; -grandi volumi di depositi non in linea con il profilo noto del cliente; transazioni complesse; storni di addebito. Altre situazioni generali riguardano il deposito, il ritiro e / o le perdite significative registrate in un breve periodo, ma con nessuna o limitata fonte di ricchezza o fonte di informazioni sui fondi ottenuti.

Diverse segnalazioni hanno fatto riferimento ai depositi effettuati per finanziare l’attività di scommessa, poiché si sospettava che fossero i proventi di un crimine o erano stati rubati dal conto bancario di qualcun altro o erano forse il risultato di attività fraudolente. Nel 17% dei casi registrati, il cliente è diventato poco collaborativo quando gli è stato chiesto di fornire i dettagli e / o la documentazione richiesti e in altri casi (4%) il cliente ha interrotto inspiegabilmente il contatto. Per quanto riguarda l’identificazione e la verifica, nel 15% dei casi in relazione alle segnalazioni 2019 presentate dalle ORG, sono state segnalate problematiche nell’ottenimento della documentazione dai clienti: i documenti di identificazione erano insoliti o sospetti o erano del tutto assenti. Per il 3% delle segnalazioni, i soggetti o le persone legate a soggetti di STR erano conosciuti negativamente su fonti aperte. Inoltre, ci sono stati un certo numero di casi in cui la fonte della ricchezza e la fonte dei fondi sono rimaste sconosciute, poiché il cliente ha rifiutato di fornire tali informazioni, nonostante i grandi depositi o le perdite significative in brevi periodi di tempo. In circa il 2,17% dei casi, le STR riguardavano trasferimenti verso, o da, giurisdizioni ad alto rischio, senza apparente senso nel farlo. Chip dumping: il motivo del sospetto riferito specificamente alla perdita intenzionale o al movimento di fondi è stato documentato nell’1,52% dei casi. Il crimine informatico è stato segnalato circa l’1% dei casi, sia nei casi in cui l’account del cliente è stato violato e compromesso da una terza parte fraudolenta, sia nei giochi di casinò online per generare giri gratuiti aggiuntivi al fine di aumentare le vincite. In un certo numero di casi sono stati menzionati giochi da casinò, scommesse sportive e giochi a quota fissa, principalmente blackjack e roulette.

 

 

 

 

PressGiochi