28 Settembre 2020 - 03:56

Malta avvia una nuova politica per il trattamento delle persone affette da Gap. Farrugia (Min. Affari Sociali): “La regolamentazione del mercato è fondamentale”

Michael Farrugia, Ministro alla Famiglia e alla Responsabilità sociale nel governo di Malta ha recentemente annunciato l’avvio di una nuova politica per il trattamento delle persone affette da gioco patologico

10 Febbraio 2015

Print Friendly, PDF & Email

Michael Farrugia, Ministro alla Famiglia e alla Responsabilità sociale nel governo di Malta ha recentemente annunciato l’avvio di una nuova politica per il trattamento delle persone affette da gioco patologico all’interno dei luoghi di lavoro. “Identificare il problema in maniera precoce è la chiave del successo per aiutare queste persone ed evitare di ricadere nella dipendenza” ha dichiarato in questi giorni il ministro.

“Molte persone – ha spiegato – ritengono che sia possibile diventare milionari in un giorno e così spendono centinaia di euro a settimana nel gioco, piuttosto che dare precedenza ad altre necessità famigliari. Anche a Malta ci son dei problemi connessi alla diffusione del gioco d’azzardo, sappiamo che ci sono dei problemi anche legati alla lotteria del Super 5.

La regolamentazione è la cosa fondamentale. Abbiamo bisogno di regolamentare il gioco online, i casinò e così via. In caso contrario, sappiamo che molti maltesi sarebbe disposti ad andare all’estero per giocare d’azzardo. Il problema di abuso di sostanze e problemi di gioco è più diffuso rispetto a quando ero bambino.

L’educazione e la prevenzione sono molto importanti. Le persone che attraversano tale problema – ha concluso – non devono essere messe da parte ed isolate; per questo abbiamo bisogno di lavorare con i datori di lavoro. Questa è la nostra enfasi. Le famiglie di tossicodipendenti e giocatori d’azzardo non devono emarginarli dopo il trattamento. Dobbiamo lavorare con i datori di lavoro al fine di garantire che possano essere reintegrati nel proprio posto di lavoro dopo un trattamento al fine di evitare che le vittime ricadano nella dipendenza”.

PressGiochi