14 luglio 2020
ore 17:23
Home Cronaca Macerata: i giocatori criticano l’introduzione dei limiti orari al gioco

Macerata: i giocatori criticano l’introduzione dei limiti orari al gioco

SHARE
Macerata: i giocatori criticano l’introduzione dei limiti orari al gioco

Non mancano le lamentele a Macerata per l’entrata in vigore dell’ordinanza del sindaco Romano Carancini che vieta il gioco dalle 7 alle 10 e dalle 15 alle 20, in applicazione alla legge della Regione Marche.

 

Sono soprattutto i consumatori a sollevare una serie di obiezioni legate all’applicazione di questa ordinanza. Di certo, secondo alcuni, si può parlare di una delocalizzazione del problema piuttosto che di una risoluzione. “Ammesso che si possa parlare di ludopatia per scommesse legate ad eventi fissati nel calendario, nel momento in cui si vieta la possibilità di scommettere in determinate fasce orarie a Macerata, i giocatori si spostano a Corridonia o a Montecosaro, si parla di cinque chilometri”.

Altra obiezione raccolta – stando al sentimento generale che ha accompagnato questa misura – riguarda l’asimmetria di una normativa che punisce una dimensione esclusivamente locale, senza avere un’applicazione nazionale. Da ultimo, l’aspetto compulsivo sarebbe più riconosciuto nelle slot e nelle VLT, in cui il giocatore resta passivo di fronte ad una macchina.

Differente il caso della singola scommessa nella quale, stando all’opinione dei più, decadrebbe la possibilità della dipendenza in quanto legata ad eventi occasionali. Si raccolgono preoccupazioni da parte dei titolari delle agenzie che, alla luce di questa ordinanza, hanno dovuto ridurre il proprio personale, tra cui figuravano anche studenti, per la riduzione della fascia oraria di lavoro.

 

PressGiochi

banner

PASSWORD RESET

Inserisci codice di sicurezza * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.


LOG IN