16 Settembre 2021 - 14:06

Macao. Il Governo apre una consultazione per le riforme nel settore dei casinò

Il Governo di Macao ha aperto una consultazione su una serie di importanti riforme nel settore dei casinò della regione, comprese le modifiche al numero di licenze rilasciate e la

14 Settembre 2021

Print Friendly, PDF & Email

Il Governo di Macao ha aperto una consultazione su una serie di importanti riforme nel settore dei casinò della regione, comprese le modifiche al numero di licenze rilasciate e la possibilità di presentare rappresentanti del Governo ai licenziatari. La consultazione prenderà in considerazione le modifiche alla legge n. 16/2001 – “Il sistema legale per le operazioni di gioco nei casinò” – che ha aperto per la prima volta il mercato dei casinò di Macao a più operatori. Coprirà nove aree tematiche principali. La prima è il numero di concessioni che dovrebbero essere rilasciate alla scadenza delle attuali licenze nel giugno 2022. Attualmente tre concessionari offrono giochi a Macao, con altri tre sublicenziatari operativi. Tuttavia, il rapporto suggerisce che un numero inferiore di operatori potrebbe essere più vantaggioso.

Come si legge nella consultazione “limitare il numero delle concessioni non significa ridurre la competitività del settore sul mercato, ma, al contrario, mira a garantire un equilibrio tra la stabilità delle dimensioni del mercato e la liberalizzazione del settore”. Un’ulteriore area tematica riguarda l’introduzione di “Delegati di governo” ai licenziatari. Lo stesso Governo ha spiegato: “In qualità di rappresentante dell’interesse pubblico della società, il Governo della RAS di Macao ha la responsabilità di proteggere gli interessi e il benessere dell’intera popolazione locale. I concessionari del gioco, a loro volta, hanno come obiettivo principale la massimizzazione dei propri profitti”.

Anche la durata delle concessioni potrebbe essere ridotta. La consultazione ha rilevato che la legge originale sui casinò di Macao è stata redatta in un momento di grande incertezza economica, quando si è ritenuto necessario una lunga concessione per attirare forti investimenti. Inoltre, ha affermato che “un periodo di concessione eccessivamente lungo o inflessibile può causare un certo livello di ostacoli”. In base alle norme proposte, sarebbero richiesti ulteriori requisiti legali per i potenziali licenziatari, compreso un importo minimo più elevato di capitale azionario per riflettere meglio le dimensioni del mercato di Macao. Inoltre, il Governo propone di aumentare dall’attuale 10% il capitale sociale minimo che deve essere detenuto da un delegato residente a Macao.

Il Governo ha anche proposto di introdurre una sorta di garanzia per i lavoratori locali. Tuttavia, questa proposta non contiene specifiche, ma semplicemente osserva che “i concessionari devono costantemente e proattivamente adottare misure per garantire l’accesso all’occupazione dei lavoratori locali” nonché l’accesso alle promozioni per questo personale. Inoltre, il Governo ha proposto di introdurre nuove regole per coloro che promuovono il gioco d’azzardo, come gli operatori di junket. Queste aziende, ha osservato, attualmente devono far fronte a pochissimi requisiti legali rispetto agli operatori di casinò e, di conseguenza, sono stati scoperti collegamenti ad attività illegali. Nella consultazione si legge che “è necessario rafforzare la regolamentazione delle attività svolte dai promotori di giochi, come aumentare i criteri per l’accesso a questa professione.

Un’altra proposta è la promozione di progetti non di gioco, che richiedevano ai resort di presentare più attività non di gioco nel tentativo di diversificare l’economia di Macao, dopo che l’amministratore delegato Ho Iat Seng aveva avvertito lo scorso anno dell’ “eccessiva dipendenza” di Macao dall’industria del gioco d’azzardo. Il penultimo ambito di consultazione riguarda la responsabilità sociale. Qui, il Governo ha notato che le regole attuali mancano di specificità. Di conseguenza, ha affermato che i licenziatari dovrebbero assumersi una serie di responsabilità sociali specifiche, tra cui il sostegno alle piccole e medie imprese locali, la tutela dei diritti dei lavoratori e la partecipazione ad iniziative filantropiche. Infine, il Governo ha proposto modifiche alla legge sulle responsabilità penali, chiarendo principalmente che gli operatori possono essere penalmente responsabili per determinati reati di riciclaggio di denaro. Inoltre, le proposte chiarirebbero che anche rifiutare al personale DICJ l’accesso a documenti o informazioni quando previsto può essere un reato. La consultazione durerà 45 giorni e comprenderà cinque sessioni pubbliche in cui le parti interessate potranno esprimere le proprie opinioni.

 

 

PressGiochi