29 Ottobre 2020 - 02:42

Macao. Casinò, il DSAL apre le indagini sul licenziamento di 48 dipendenti

Il Labor Affairs Bureau (DSAL) ha aperto le indagini sul licenziamento di 48 lavoratori dallo scoppio della pandemia. Il dipartimento del lavoro ha ricevuto nove denunce di licenziamento ingiusto. Un

25 Settembre 2020

Print Friendly, PDF & Email

Il Labor Affairs Bureau (DSAL) ha aperto le indagini sul licenziamento di 48 lavoratori dallo scoppio della pandemia. Il dipartimento del lavoro ha ricevuto nove denunce di licenziamento ingiusto. Un datore di lavoro coinvolto è il gruppo Junket Seng Keng, che ha licenziato 25 dipendenti locali. I lavoratori hanno rivelato avvisi interni inviati dal gruppo Junket ad agosto e settembre, in cui la società ha dichiarato di licenziare tutti i 25 dipendenti perché la pandemia aveva avuto un profondo impatto sui suoi ricavi.

Il DSAL ha dichiarato a MNA: “Per qualsiasi caso di controversia di lavoro, DSAL seguirà le indagini in modo equilibrato per proteggere i diritti e gli interessi legittimi dei dipendenti in conformità con la legge. Se viene rilevata una violazione della legge, deve essere seguita in conformità con le procedure legali”. Ha anche rivelato che da febbraio al 15 settembre di quest’anno, l’Ufficio di presidenza ha aperto un totale di 927 casi di controversie di lavoro che coinvolgono 1.819 dipendenti, di cui 1.131 locali e 688 non locali.

 

USA. L’isola di Saipan non pone limiti al numero di junket attivi con i casinò

 

 

PressGiochi