04 Dicembre 2022 - 06:11

Macao: i fornitori di casinò si trasferiscono in altri mercati

Le aziende hanno iniziato a spostare il personale e le scorte nelle Filippine e a Singapore a causa della politica Covid Zero in corso in Cina.

08 Settembre 2022

Print Friendly, PDF & Email

La decisione della Cina di continuare con la sua politica Covid-19 Zero ha indotto diverse società dedicate alla vendita di attrezzature per giochi da casinò a trasferire manodopera e risorse in altre giurisdizioni asiatiche come Filippine e Singapore.

Secondo Bloomberg, Light & Wonder Inc, ha aperto un nuovo ufficio nelle Filippine, che è diventato il mercato più importante in Asia, e sta trasferendo lì il suo personale all’estero a causa del calo della domanda a Macao causato dal basso numero di turisti.

Ken Jolly, vicepresidente e direttore generale dell’Asia per Light & Wonder, ha affermato che i casinò di Macao non acquisteranno nuove apparecchiature fino a quando non otterranno una licenza per continuare a operare nella rete di licenze. Senza nuove vendite, l’azienda riceve solo entrate limitate dalla manutenzione e dal supporto tecnico.

Bloomberg riferisce che un produttore di apparecchiature dal Giappone sta anche trasferendo fino al 30% della sua forza lavoro e ritirando più della metà del suo inventario da Macao a causa di problemi con la catena di approvvigionamento e un calo del 90% delle entrate.

Jay Chun, presidente della Macau Gaming Equipment Manufacturers Association, ha affermato di essere a conoscenza di almeno quattro operatori di casinò multinazionali che trasferivano manodopera e risorse all’estero.

Chun ha osservato che Macao sta anche rivedendo gli standard per le slot machine elettroniche, costringendo i produttori a sviluppare nuovi software, che possono essere particolarmente costosi e impegnativi per gli operatori più piccoli. Di conseguenza, alcuni potrebbero scegliere di non aggiornare le macchine meno popolari.

Daniel Cheng, un ex dirigente di società di gioco come Hard Rock International, ha aggiunto di ottenere la nuova licenza e, come parte degli sforzi di Pechino per ridurre la dipendenza di Macao dal gioco d’azzardo, gli operatori di casinò devono impegnarsi a investire in settori non di gioco come il cinese tradizionale medicina e tecnologia. Ciò li costringerà a tagliare la spesa per le slot machine con prestazioni inferiori.

La tendenza potrebbe accelerare dopo che il governo ha stabilito il numero massimo di tavoli da gioco e slot machine consentiti nei casinò a partire dal 2023.

Il numero massimo di tavoli da gioco in tutti i casinò sarà 6.000 mentre il numero massimo di macchine da gioco è stato fissato a 12.000. Nel 2019 c’erano già 17.000 macchine sul mercato.

Ad agosto, le entrate lorde di gioco (GGR) di Macao sono aumentate del 450% ad agosto, da 398 milioni di MOP (49,2 milioni di dollari USA) a 2,19 miliardi di MOP (270,8 milioni di dollari USA). Tuttavia, la cifra è scesa del 50,7% rispetto ad agosto 2021.

Nel frattempo, le entrate di gioco di Singapore sono tornate al 70% rispetto ai livelli pre-Covid-19 nel secondo trimestre, mentre le Filippine e la Corea del Sud sono tornate entrambe a circa il 75%.

 

PressGiochi