27 Gennaio 2021 - 23:53

Lotteria scontrino. Nesci (U.Di.Con.): “Più un male che un bene per gli italiani”

“Ci siamo espressi più volte sulla pericolosità dell’entrata in vigore della Lotteria degli Scontrini e anche oggi ribadiamo come questa soluzione sia più un male che un bene per gli

02 Dicembre 2020

Print Friendly, PDF & Email

“Ci siamo espressi più volte sulla pericolosità dell’entrata in vigore della Lotteria degli Scontrini e anche oggi ribadiamo come questa soluzione sia più un male che un bene per gli italiani il tasso di ludopatia in Italia è in grandissima crescita ed in questo particolare anno i numeri legati al gioco d’azzardo hanno subito crescite spaventose”.

Lo scrive in una nota il Presidente Nazionale U.Di.Con. Denis Nesci, che aggiunge: “Siamo tutti d’accordo sul fatto che vada combattuta l’evasione fiscale, ma possibile che l’unico modo per farlo fosse lanciare i cittadini in pasto alle voraci e fameliche bocche della ludopatia? Il Governo non crede che in questo modo ci saranno acquisti smodati e senza senso solo per il brivido di avere un biglietto della lotteria in più? Alle nostre rimostranze non c’è stata una sola voce fuori dal coro che dicesse proviamo a fare qualcosa di diverso, non una persona che provasse timidamente a proporre un passo indietro.”

“Siamo alle solite – continua Nesci – ultimamente c’è questa moda del prendere provvedimenti senza consultare nessuno, in particolar modo c’è questo rifiuto all’ascolto di chi i cittadini li rappresenta sul campo tutti i giorni come noi. Siamo stati a disposizione delle Istituzioni, lo siamo oggi e lo saremo sempre, anche dovessero continuare imperterriti nel lasciare inascoltate le nostre proposte. Ci siamo espressi più volte negativamente sulla lotteria degli scontrini, abbiamo proposto delle alternative – conclude Nesci – oramai è il caso di dirlo, i giochi sono fatti. La speranza è che nessuno cada nel facile tranello dell’acquisto compulsivo per avere una chance in più di vincita, un paradosso difficile da confutare”.

PressGiochi