20 Luglio 2024 - 09:02

Lollobrigida (ADM): “Distanziometro inefficace: ha dato spazio al gioco illegale”

“Il modello concessorio non va messo in discussione dato che ha funzionato e funziona bene. Riceviamo continuamente richieste di confronto dalle varie autorità di altri Paesi perché viene visto comunque

25 Maggio 2023

Print Friendly, PDF & Email

“Il modello concessorio non va messo in discussione dato che ha funzionato e funziona bene. Riceviamo continuamente richieste di confronto dalle varie autorità di altri Paesi perché viene visto comunque come un riferimento al quale ispirarsi”.

A difendere l’impostazione giuridica italiana in ambito di gioco è stato Mario Lollobrigida, direttore centrale Giochi dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, intervenendo questa mattina all’incontro organizzato da I-COM sulla regolamentazione del settore dei giochi.

“Sicuramente, la delega assegna un compito complesso perché il primo ostacolo è il superamento della questione territoriale: il sistema è ormai differenziato sul territorio senza che questa cosa abbia delle ragioni fondate. Inoltre, abbiamo visto che il distanziometro non ha risolto né il problema del giocatore ludopatico né quello del gioco illecito. Ha solo determinato lo spostamento dal mercato legale a quello illegale. Lo verifichiamo anche noi con i nostri controlli. Inoltre, il gioco si sta smaterializzando e il gioco on line entra anche nei luoghi sensibili. A cominciare dalle scuole dove gli studenti possono tranquillamente giocare dal loro smartphone. E se a giocare è uno studente maggiorenne, si trova comunque accanto a dei minorenni”.

Per Lollobrigida, va ripreso il lavoro realizzato dalla Conferenza unificata e va riaperto il tavolo. Senza sciogliere il nodo delle differenze territoriali, non sarà possibile sbloccare le nuove concessioni.

“Il punto nodale della delega è la formazione. E in Italia abbiamo già una rete di formazione eccellente basata sulla collaborazione tra noi, Adm, e gli operatori. Questa potrebbe essere l’occasione per rafforzare l’obbligo formativo e coordinarlo a livello centrale”.

PressGiochi