04 Dicembre 2020 - 12:52

Lockdown 2.0? Chiacchio (Agsi) a PressGiochi: “Dal Dir. Minenna e dal Sott.segr. Baretta ci aspettiamo proposte produttive a tutela del settore”

“Il settore dei giochi non è assolutamente in grado di sopportare un nuovo lockdown. Le aziende dei giochi legali faticosamente si stanno rialzando da un brutto KO. Si rischia il

21 Ottobre 2020

Print Friendly, PDF & Email

“Il settore dei giochi non è assolutamente in grado di sopportare un nuovo lockdown. Le aziende dei giochi legali faticosamente si stanno rialzando da un brutto KO. Si rischia il tracollo con la conseguenza di perdita di tanti posti di lavoro”.

Lo afferma a PressGiochi, Pasquale Chiacchio presidente dell’Associazione AGSI (Associazione Gestori Scommesse Italia) di fronte alla possibilità che il Governo possa approvare nuove restrizioni alle attività per contrastare il contagio da Covid19, e alla decisione di alcune Regioni, come Lombardia e Umbria di bloccare le attività di gioco.

 

Ma ci sono strategie che gli operatori possono adottare? “Le strategie – risponde – si possono mettere in campo quando si è operativi non quando si è con l’attività chiusa! È come un allenatore che studia le tattiche ma non ha squadra!! Come fa a metterla in pratica?

L’ADM è l’ente regolatore, è l’ente di riferimento del settore dei giochi legali. Dal Direttore dott. Marcello Minenna, insieme al Sottosegretario On. Pier Paolo Baretta ci aspettiamo interventi mirati a tutelare l’intero settore dei Giochi legali facendo in modo da sostenerlo con proposte per provvedimenti produttivi piuttosto che repressivi. Avendo entrambi la giusta Competenza, una grande Capacità, una Grande esperienza! Altrimenti si corre il grande rischio che questo settore venga sostituito dal gioco illegale!”.

 

Pressgiochi