25 Settembre 2020 - 17:22

Liguria. Capurro: “Su nuove licenze verrà fatto rispettare il limite dei 300mt”

“I dati emersi oggi sulla stampa dimostrano in modo inequivocabile che la legge regionale sulla disciplina delle sale da gioco, presentata dal sottoscritto è approvata nell’aprile del 2012 dal Consiglio

28 Maggio 2015

Print Friendly, PDF & Email

“I dati emersi oggi sulla stampa dimostrano in modo inequivocabile che la legge regionale sulla disciplina delle sale da gioco, presentata dal sottoscritto è approvata nell’aprile del 2012 dal Consiglio Regionale, funziona”. Armando Ezio Capurro (Liguria Cambia) è soddisfatto, la battaglia intrapresa nel 2011 al fine di limitare il continuo proliferare della sale da gioco, culminata con l’approvazione della legge nell’anno successivo, comincia a dare i suoi frutti.

“Siamo stati la prima regione, su mia proposta, a legiferare in materia, nonostante l’iniziale scetticismo di alcuni la legge funziona, sale da gioco, slot machine e videolottery diminuiscono”.

I dati parlano chiaro, per quanto riguarda le slot machine nel 2014 rispetto al 2012 registriamo un calo del 13%, nello stesso periodo per quanto attiene le videolottery il calo è del 6,7%.

In futuro i dati dovrebbero essere ancora più confortanti in quanto la legge prevede che l’autorizzazione sia concessa per cinque anni e ne possa essere chiesto il rinnovo dopo la scadenza. Rinnovo che sarà accordato a fronte delle condizioni, vedi distanza di 300 metri dai luoghi sensibili, a quanti avevano ottenuto la licenza prima dell’entrata in vigore della legge.

“L’erario ci rimette – conclude Capurro – ma a guadagnarci sono sicuramente i cittadini”.

PressGiochi