04 Dicembre 2022 - 12:10

Libera Piemonte: il 16 settembre verrà consegnata in Consiglio la raccolta firme a supporto della legge sul gioco d’azzardo patologico

Abbiamo titolato la campagna di raccolta firme “Giochiamo la nostra partita”, coinvolgendo le elettrici e gli elettori piemontesi su una proposta di iniziativa popolare per “la prevenzione e il contrasto

14 Settembre 2022

Print Friendly, PDF & Email

Abbiamo titolato la campagna di raccolta firme “Giochiamo la nostra partita”, coinvolgendo le elettrici e gli elettori piemontesi su una proposta di iniziativa popolare per “la prevenzione e il contrasto alla diffusione del gioco d’azzardo patologico” con l’obiettivo di superare l’attuale legge in vigore in Piemonte.

Avevamo – afferma Libera Piemonte – tempo 6 mesi per raggiungere la quota di 8.000 firme e, grazie al lavoro di squadra della vasta rete di realtà aderenti alla campagna e centinaia di banchetti organizzati in tutta la regione, abbiamo ampiamente superato questa cifra arrivando a raccoglierne 12.000.

Un risultato importante che testimonia quanto il tema del contrasto al gioco d’azzardo patologico sia sentito tra la popolazione, perché è un problema vissuto da molti.

Venerdì 16 settembre alle ore 11, in via Alfieri 15 a Torino, consegneremo i moduli firmati al Consiglio Regionale Piemonte, organizzando una conferenza stampa per spiegare le ragioni di questa campagna e i passi che ne seguiranno.

 

Con noi ci saranno le amministrazioni comunali che hanno votato una deliberazione per proporre alla regione la stessa proposta di legge, sostenendo così il nostro percorso e rappresentando anche il pensiero di chi ogni giorno lavora sul territorio, a contatto con i cittadini.

Gli amministratori hanno giocato un ruolo importante in questa campagna. Oltre alle deliberazioni, sono stati al nostro fianco nell’autenticazione delle firme, elemento fondamentale per la buona riuscita della campagna.

Le ragioni e gli obiettivi della campagna di raccolta firme

La campagna di raccolta firme, appoggiata da oltre 40 realtà regionali, nasce dalla necessità di modificare l’attuale legge esistente in Piemonte, approvata a colpi di maggioranza nel luglio dello scorso anno, nonostante la contrarietà di realtà che da anni si battono contro la diffusione del gioco d’azzardo patologico.

La maggioranza a sostegno del Governatore Alberto Cirio ha – nei fatti – smantellato la “9/2016”, approvata all’unanimità nella passata legislatura, aumentando la possibilità di gioco, senza considerare i rischi connessi.

Una decisione che non ha tenuto conto dei buoni risultati ottenuti ne periodo di applicazione della legge approvata nel 2016 all’unanimità. Sono i dati a dimostrarne l’efficacia. Negli anni della sua applicazione, infatti, si è registrata:

una significativa diminuzione dei soldi giocati e delle perdite da gioco;

un ridimensionamento del numero di utenti presso il SerD per patologia da gioco;

un numero minore di slot machine presenti sul territorio.

 

La nostra proposta, sostenuta da 12.000 cittadine e cittadini residenti in Piemonte, contiene migliorie rispetto alla legge 9/2016, con l’obiettivo di tutelare le fasce più deboli dalle patologie connesse al gioco, dal sovraindebitamento e dall’interesse delle mafie in questo settore.

Con l’atto formale della consegna,- conclude Libera Piemonte – la Regione Piemonte ha l’obbligo di discutere la proposta e votarla.

 

PressGiochi