29 Settembre 2020 - 23:05

Legnano: bocciata la proposta di sgravi fiscali a chi elimina le slot machine

In occasione dell’ultimo consiglio comunale di Legnano è stato il vice sindaco e assessore al Bilancio, Piero Luminari, a respingere l’ordine del giorno presentato dalla minoranza per attribuire uno sconto,

18 Luglio 2016

Print Friendly, PDF & Email

In occasione dell’ultimo consiglio comunale di Legnano è stato il vice sindaco e assessore al Bilancio, Piero Luminari, a respingere l’ordine del giorno presentato dalla minoranza per attribuire uno sconto, su una qualche tariffa comunale, agli esercizi pubblici che avessero deciso di rinunciare ad accogliere le slot machine nei loro spazi.
“Non è questo il momento opportuno, – ha detto Luminari,  – ne riparleremo in occasione del bilancio” ha poi aggiunto, pur ribadendo un sostanziale accordo con la tesi di base.

«Riconosciamo che l’ordine del giorno presentato in consiglio comunale martedì sera, inerente le agevolazioni per i locali che non installano slot machines, aveva un peccato originale – hanno commentato i due consiglieri promotori della proposta appartenenti alla lista «Per Legnano», Stefano Quaglia e Tiziana Colombo. “E’ stato presentato – affermano – da chi sta all’opposizione e ancor di più da chi ha osato abbandonare la maggioranza di governo! Riteniamo vergognoso il voto espresso dalla maggioranza, soprattutto perché la stessa non perde occasione per pronunciarsi, solo a parole, per tutta una serie di giuste battaglie”.

PressGiochi

 

Canelli (At): passa la proposta di tagli alla Tari per chi rinuncia alle slot