24 Settembre 2020 - 22:06

Lega Ippica Italiana. Pagamenti a macchia di leopardo per le scuderie al 4% e una vergogna per quelle con Partita Iva

In una nota la Lega Ippica Italiana ha presentato i risultati relativi alla situazione dei Pagamenti. “Scuderie al 4% – Pagamenti a macchia di leopardo Seppur senza alcuna logica temporale

05 Dicembre 2016

Print Friendly, PDF & Email

In una nota la Lega Ippica Italiana ha presentato i risultati relativi alla situazione dei Pagamenti.
“Scuderie al 4% – Pagamenti a macchia di leopardo
Seppur senza alcuna logica temporale gli operatori stanno ricevendo i Premi dei mesi di Giugno, Luglio, Agosto e Settembre per cui assistiamo ad un discreto recupero.
L’Ufficio UCB, a seguito delle forti pressioni messe in atto nei mesi scorsi, si è organizzato utilizzando più personale ed ha quindi ridotto notevolmente i tempi morti dovuti al controllo sui pagamenti.
Indicativamente possiamo ad oggi stimare che il popolo ippico abbia già ricevuto:
Giugno al 90%
Luglio al 70%
Agosto al 40%
Settembre al 10%
Ripetiamo, non stanno seguendo alcuna logica temporale per cui non preoccupatevi se non avete ricevuto uno di questi mesi nonostante siano arrivati i successivi. Prima della chiusura natalizia tutti dovrebbero, ed il condizionale è d’obbligo, ricevere tutto incluso Settembre.
Poi ne riparleremo oltre metà Gennaio quando i pagamenti, come ogni anno, ripartiranno ed allora si tratterà dei Premi di Ottobre.

Scuderie con Partita Iva – Una vergogna
Sempre più penalizzate le Scuderie con Partita Iva scandalosamente in ritardo ed ancora ferme al pagamento del mese di Marzo, mensilità ancora non completata.
In questi giorni stanno arrivando i primi pagamenti delle fatture di Aprile ma si tratta di pochissimi “fortunati”.
Contrariamente ai buoni propositi dell’Ufficio Premi riteniamo a questo punto che prima della chiusura natalizia sarà difficile ricevere altre mensilità oltre a quella di Aprile e, forse, a quella di Maggio.
Aggiorniamoci alla prossima settimana con la speranza di avere buone notizie riguardo le fatture di Maggio, Giugno, Luglio e Agosto”.