21 Settembre 2020 - 17:11

L’Abbate (M5S): “Il Mipaaf intervenga per modernizzare le scommesse ippiche”   

“La legge 7 agosto 2012, n. 135, ha stabilito la soppressione immediata dell’ASSI (subentrata all’UNIRE con legge 15 luglio 2011, n. 111, ma mai dotata di statuto, con il passaggio al Ministero

05 Agosto 2015

Print Friendly, PDF & Email

“La legge 7 agosto 2012, n. 135, ha stabilito la soppressione immediata dell’ASSI (subentrata all’UNIRE con legge 15 luglio 2011, n. 111, ma mai dotata di statuto, con il passaggio al Ministero competente, tra l’altro, di tutti i rapporti passivi ed attivi. A quasi tre anni dalla soppressione dell’ASSI, – dichiara Giuseppe L’Abbate (M5S) in una interrogazione al MIPAAF – decretata con effetto immediato (alla data del 14 agosto 2012), nulla ex novo si è registrato di concreto salvo la sospensione e, quindi, il ritardo dei pagamenti dovuti alla filiera ippica.

Risulta validato dall’AAMS, nell’agosto 2012, ed in precedenza dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, l’ipotesi di nuovo regolamento delle scommesse formulato da una commissione AAMS/ASSI, con la partecipazione di SOGEI (che prevedeva, tra l’altro, la riunificazione dei due totalizzatori, il restyling della scommessa, l’armonizzazione del regolamento a quelli degli altri Stati europei per meglio consentire l’accettazione delle scommesse a massa comune, etc.)”.

L’Abbate ha quindi chiesto – nella seconda interrogazione posta al Ministero in pochi giorni – cosa si intenda fare per ridare interesse commerciale e modernità alla scommessa ippica penalizzata da una stasi epocale.

PressGiochi